Dalla Puglia zona arancione al Molise per spacciare: beccati dai carabinieri, arrestati padre e figlio

Alla vista del posto di blocco hanno provato a gettare la droga dal finestrino dell'auto ma i miliari l'hanno recuperata. Altre dosi trovate nelle abitazioni dei due

I Carabinieri della compagnia di Larino hanno arrestato due pregiudicati pugliesi, padre e figlio, per spaccio di droga. Il fermo dei due è avvenuto in seguito a un servizio di pattugliamento al confine con la Puglia, in territorio di Rotello.

Alla vista del posto di blocco, i due che viaggiavano in auto hanno tentato di disfarsi di un involucro contenente droga gettandolo dal finestrino, ma i militari si sono accorti di quel gesto improvviso. Hanno fermato l’auto e hanno subito trovato al suo interno 10 grammi di marijuana. Nel frattempo sono arrivati i rinforzi della compagnia Carabinieri di Larino che si sono messi a cercare la droga gettata dall’auto e in breve hanno trovato l’involucro in mezzo alla vegetazione adiacente alla strada: all’interno c’erano altri 60 grammi di marijuana.

Quindi i militari hanno fatto scattare le perquisizioni a casa dei due. Si sono prima recati nell’appartamento del giovane dove la madre ha tentato di nascondere dell’altra droga, mettendola sul davanzale della finestra. Ma anche in questo caso i Carabinieri sono stati abili a trovare la confezione con 17 grammi di hashish.

Carabinieri larino droga

Nel garage della famiglia sono stati trovati altri 20 grammi di marijuana e mezzo etto di hashish oltre a un bilancino di precisione. Infine la perquisizione nell’abitazione del padre ha portato a scoprire due ulteriori dosi di eroina.

Padre e figlio sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti mentre la madre del giovane è stata denunciata per favoreggiamento personale nei confronti del marito e del figlio.

I due pregiudicati sono stati Inoltre segnalati alla questura di Campobasso per l’emissione del foglio di via obbligatorio ed il divieto di ritorno nel comune di Rotello. Inoltre sono stati senza sanzionati per avere oltrepassato senza validi motivi i confini della Puglia che da tempo è zona arancione e multati per violazione delle norme previste dal Codice della Strada.