Contagi nel carcere di Larino, detenuti lanciano protesta pacifica

Le decine di casi positivi al coronavirus Sars-Cov-2 all’interno del carcere di Larino, finora localizzate nella sezione dell’Alta Sicurezza, scatenano la reazione da parte dei detenuti della Casa circondariale di contrada Arcano.

Infatti a partire da questo pomeriggio, 13 novembre, è scattata una forma di protesta pacifica all’interno del carcere.

“Qua da noi ci sono 39 persone contagiate a vari livelli – fanno sapere tramite dei familiari – che sono ubicate al secondo piano (una sezione intera). Noi detenuti delle altre sezioni abbiamo paura di essere contagiati a nostra volta, ciò deriva dal fatto che non è in atto nell’istituto un piano per contenere questa epidemia”.

È evidente il clima di timore che c’è all’interno del carcere, anche per via delle notizie che arrivano da fuori riguardo all’epidemia che sta colpendo sempre più italiani. Molti temono quindi di rimanere contagiati, con tutto ciò che implica un’infezione di questo tipo all’interno di una struttura penitenziaria.

“Stiamo portando avanti una protesta pacifica attraverso il rifiuto degli alimenti dell’amministrazione e il mancato rientro nelle celle di pernottamento, al fine di poter sensibilizzare le autorità nazionali di ciò che succede negli istituti penitenziari italiani” concludono i detenuti.

38 contagi in carcere ma niente tamponi al personale, Cisl annuncia stato di agitazione