Boom di richieste per le sepolture: esumati anche i bimbi mai nati. 400 nuovi loculi pronti nel 2021

Il cimitero cittadino è sempre più 'ingolfato': le operazioni di estumulazione delle salme sepolte nel terreno riguarda anche l'area in cui sono sepolti i resti dei neonati mai nati. Intanto nella zona più a sud del camposanto proseguono i lavori di costruzione del lotto 12 con 400 nuovi loculi che saranno posti in vendita dal prossimo gennaio al costo 2750 euro ciascuno.

Se anche l’area destinata alla sepoltura dei bimbi mai nati è in corso di smantellamento, forse vuol dire che il cimitero cittadino è veramente vicino alla soglia critica. Gli spazi delle piccole sepolture sono stati occupati da chi è deceduto negli ultimi mesi del 2020 e ha scelto di essere tumulato sotto terra terra. Quando si arriva in quella parte del camposanto, il colpo d’occhio è notevole e al tempo stesso provoca profonda tristezza.

Anche sulle piccole sepolture sono apparsi appositi avvisi che nella loro crudezza informano di quello che avverrà fra qualche tempo: “Si rende noto che prossimamente si procederà all’operazione di esumazione del feto/prodotto abortivo sepolto nella presente fossa. Si invitano i familiari aventi diritto a prendere contatto con l’ufficio cimiteriale”. Attualmente i posti per le sepolture a terra sono vicini all’esaurimento.

Cimitero Campobasso blocco E

Che il camposanto del capoluogo sia sempre più intasato non è una novità: da anni viene segnalata la progressiva diminuzione degli spazi, di pari passo con l’aumento della richiesta delle sepolture. E probabilmente è servito fino ad un certo punto il doppio ‘freno‘ posto dall’amministrazione comunale negli ultimi tempi: lo stop alla libera vendita dei loculi (attualmente chi ha meno di 75 anni non può ‘accaparrarsi’ il posto dell’eterno riposo) e la progressiva esumazione delle salme le cui concessioni quarantennali sono scadute.

E poi ci sono le nuove aree: il blocco E, la famosa zona allagata dopo un nubifragio dell’estate 2019, è stato completato, mentre è in fase di completamento il lotto 12.

Cimitero Campobasso lotto 12

All’inizio del nuovo anno – secondo la tabella di marcia dell’impresa – sarà pronto il lotto 12, una struttura che si sviluppa in altezza, a poca distanza dal viale dei Lillà, e che sembra quasi un palazzo. Sono disponibili 400 loculi al costo di 2750 euro (comprensivi di Iva al 10%): occorrono due mesi per completare i lavori. Nel 2009 il costo era di 2100 euro, in base alla convenzione stipulata tra il Comune e la Dondi: in pratica il prezzo di un loculo è aumentato mediamente di 50 euro all’anno.

Cimitero Campobasso lotto 12

Sulla carta dovrebbe essere costruito anche il lotto 14 sulla base del progetto risalente al 2006, o meglio al Project financing per la progettazione, la costruzione e la gestione dei loculi del cimitero di Campobasso stipulato dall’amministrazione comunale con la Dondi, la società concessionaria dei servizi cimiteriali. Se il progetto dovesse andare in porto, il camposanto avrà una ulteriore disponibilità di posti per i nostri cari estinti. La stima è di 1200 loculi in più a disposizione, ma il piano potrebbe subire dei cambiamenti proprio per ampliare la capienza dell’ala.

Ma il condizionale è d’obbligo: il Comune non ha affidato all’impresa Dondi l’appalto e dunque non si conosce nemmeno la data di inizio dei lavori. Forse gli strascichi di una ‘guerra’ avviata dal governo cittadino pentastellato che ha iniziato ad usare il pugno duro dopo l’allagamento di una parte del blocco E.

Il cimitero dei ‘poveri ricchi’: i loculi nelle cappelle che si allagano si pagano 2250 euro