Alunno positivo al Majorana, ma la scuola era già in Dad. A Montecilfone plessi chiusi

Continuano i casi di contagi da coronavirus che coinvolgono direttamente o indirettamente le scuole del territorio. Fra questi, un alunno dell’Istituto Industriale ‘Majorana’ di Termoli è risultato positivo al tampone nei giorni scorsi.

Tuttavia il ragazzo era stato assente nei giorni precedenti e lo stesso istituto aveva attivato la Didattica a distanza al 75% già dallo scorso 27 ottobre. Domani 3 novembre diverse classi torneranno in aula, a meno di entrata in vigore da subito del nuovo Dpcm di cui si parla in queste ore e che potrebbe stabilire la Didattica a distanza al 100% per le scuole superiori.

Fra le classi che dovrebbero fa rientro in classe non ci sono però quelle direttamente collegate al contagio. All’Asrem il compito di ricostruire la catena dei contatti e quindi sottoporli al tampone.

A Montecilfone invece chiuse da domani e per tre giorni tutte le scuole. “In mattinata ci è giunta notizia che un nostro concittadino, attualmente fuori regione – ha scritto il sindaco Giorgio Manes su Facebook – è risultato positivo asintomatico al coronavirus. È stato immediatamente posto in essere il protocollo di emergenza, così come disposto dalla normativa per covid-19”.

Si stanno ricostruendo i contatti dell’uomo, a partire dai familiari residenti a Montecilfone. Per questo il sindaco ha deciso di non far andare gli alunni in classe. “Per precauzione anche le scuole, di ogni ordine e grado sono state chiuse per tre giorni a partire da domani per sanificazione. Seguiranno aggiornamenti. Vi invito ad essere prudenti e a rispettare le regole senza creare allarmismi, continuando ad attenersi rigorosamente al rispetto delle regole già note a tutti”.

Da Isernia infine arriva la notizia della sospensione dell’attività della scuola dell’infanzia San Giovanni Bosco (edificio Calabrese).

“Con ordinanza 208/2020 – si legge in una nota del Comune -, il sindaco di Isernia Giacomo d’Apollonio, per motivi precauzionali, ha sospeso dal 3 al 16 novembre le attività didattiche nella scuola dell’infanzia San Giovanni Bosco, presso l’edificio ‘Calabrese’. Con lo stesso atto, il sindaco ha anche disposto la sanificazione di tutti gli ambienti dell’edificio.

L’ordinanza si è resa necessaria per evitare la possibile diffusione di contagi, dopo che questa mattina l’Asrem ha segnalato la positività al Covid di un collaboratore scolastico appartenente al personale ATA della menzionata scuola”.