Addio al grande attore Gigi Proietti. Quando in Molise fece ridere tutti ricordando “quella notte fra Termoli e Campobasso”

È morto a Roma il popolare attore, doppiatore e drammaturgo, proprio nel giorno del suo 80esimo compleanno. Anche in Molise i fan lo ricordano con foto e video di interpretazioni indimenticabili e sketch televisivi

È morto a Roma nelle scorse ore proprio nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Un ennesimo colpo di teatro, stavolta particolarmente triste, quello che Gigi Proietti ha regalato ai suoi fan oggi 2 novembre.

Uno scompenso cardiaco se l’è portato via improvvisamente, lasciando i suoi estimatori con un enorme vuoto. Anche il Molise sono in tantissimi a ricordarlo oggi con foto, frasi famose e video di sketch televisivi e indimenticabili interpretazioni al cinema e a teatro. C’è chi lo preferisce nei panni di Mandrake in ‘Febbre da cavallo’, chi ne ha un ricordo affettuoso nel ruolo del Maresciallo Rocca, chi semplicemente preferisce regalarsi qualche momento di ilarità con barzellette e trovate ironiche che è facile reperire oggi su Internet.

Ma i molisani più attenti ricorderanno anche la sua ultima visita nella nostra regione, datata marzo 2016. All’epoca fu invitato dal Comune di Casacalenda e da MoliseCinema per una cerimonia durante la quale venne conferita la cittadinanza onoraria al maestro di origini molisane Flavio Bucci, suo amico e altro grandissimo attore scomparso di recente.

Quel giorno Gigi Proietti regalò momenti di puro divertimento condividendo un aneddoto della sua gioventù col pubblico accorso alla Galleria civica ‘Franco Libertucci’. Fu il racconto di una disavventura in auto da Termoli a Campobasso durata praticamente una intera notte.

Col suo modo di parlare, agire, verrebbe da dire col suo modo di essere istrionico e inimitabile, Proietti regalò risate genuine ai presenti, esattamente come capitava ogni volta che saliva sul palco, appariva in televisione o recitava in qualche film.

Gigi Proietti e quella notte in auto, da Termoli a Campobasso: “E chi se la scorda”