Officina abusiva a Mirabello, 5mila euro di multa e sequestro attrezzi

A seguito di verifiche, la Polizia giudiziaria della Stradale di Campobasso ha smascherato un’attività che non aveva i certificati per lavorare. Oltre alla sanzione, si è proceduto con la confisca di tutte le attrezzature e le strumentazioni che saranno messe in vendita all’asta.

Un’officina abusiva che operava indisturbata nella periferia di Mirabello Sannitico. È quanto venuto alla luce a seguito delle verifiche specifiche condotte dalla Squadra di Polizia Giudiziaria della Stradale di Campobasso mercoledì 14 ottobre.

 

Ebbene, si trattava di un’officina meccanica attrezzata di sollevatori, banchi da lavoro, pistole pneumatiche, saldatrici ed altri attrezzi. Ma l’esercizio è risultato abusivo, in quanto il titolare non aveva presentato alla Camera di Commercio, così come prescritto dalla legge, l’obbligatoria segnalazione certificata di inizio attività di autoriparatore. Insomma, lavorava senza avere i relativi certificati.

 

Inevitabili la chiusura immediata dell’attività. Gli operatori della Polizia Stradale hanno proceduto con una multa di 5mila euro e con il sequestro, ai fini della confisca, di tutte le attrezzature e le strumentazioni presenti, che dopo l’iter procedimentale previsto saranno poste in vendita all’asta ed il ricavato andrà allo Stato.