Il virus provoca altre vittime in Molise: morti 2 anziani ricoverati in Malattie Infettive. Sale a 31 il bilancio dei decessi da covid

Nella notte si sono spenti un 74enne di Macchia d'Isernia e un 87enne del capoluogo pentro che erano ricoverati all'ospedale Cardarelli di Campobasso dopo aver contratto l'infezione da nuovo coronavirus. Tragica escation di decessi registrati nella nostra regione: cinque in soli sei giorni.

È stata una notte drammatica nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale Cardarelli di Campobasso dove erano ricoverati i due anziani che si sono spenti nelle scorse ore. Avevano contratto un’infezione da nuovo coronavirus ed erano bisognosi delle cure dei medici del nosocomio di Campobasso. Ma le loro condizioni di salute si sono progressivamente aggravate e la scorsa notte si sono spenti: si tratta di due uomini, uno di 74 anni di Macchia di Isernia, l’altro di 87 anni originario del capoluogo pentro.

In pratica, sono la 30esima e la 31esima vittima provocata in Molise dal virus, a conferma di quanto sia letale tra gli anziani e tra coloro che sono affetti da patologie pregresse. Sono i pazienti più fragili, le persone a cui il virus non dà scampo, come avvenuto nella prima ondata dell’emergenza sanitaria quando anche l’età media dei contagi era più elevata di quella attuale (41 anni rispetto ai 54 di qualche mese fa).

Nel giro di sei giorni nella nostra regione è stata registrata una tragica escalation di decessi tra le persone risultate positive al Sars-cov-2: ieri (26 ottobre) ha smesso di battere il cuore di un anziano di Isernia, anche lui ricoverato nel nosocomio del capoluogo di regione.

Terzo decesso in pochi giorni in Molise: muore 83enne di Isernia. È la 29esima vittima del virus

 

Ancora prima il virus era stato fatale ad un 86enne di Campomarino (deceduto il 24 ottobre), mentre due giorni prima è venuto a mancare un uomo di 61 anni di Macchiagodena che aveva contratto il nuovo coronavirus dopo un intervento chirurgico a Napoli. In pratica cinque decessi in sei giorni. Il ritorno del covid in questa seconda ondata si sta manifestando nella maniera più drammatica, come accaduto la scorsa primavera.