Grosso incendio devasta gli uffici dell’impresa di costruzioni Europea 92. Indagano i Carabinieri

L'allarme è stato lanciato attorno alle 20.30 di ieri sera, sul posto tre squadre dei vigili del fuoco e i militari della locale stazione. Stando alle prime ricostruzioni, gli investigatori avrebbero escluso il dolo: il rogo, che ha distrutto documenti importanti dell'azienda, sarebbe stato causato da un cortocircuito.

Si sono concluse attorno alla mezzanotte le operazioni di spegnimento del rogo che la scorsa notte ha interessato una parte dei locali dello stabile che ospita la sede dell’impresa Europea 92. La notizia ha destato un certo clamore dal momento che parliamo di un’azienda molto nota in regione e non solo, specializzata nella realizzazione di opere stradali e ferroviarie, di proprietà della famiglia Ricci.

L’allarme è scattato verso le 20.30, quando sul posto sono giunte prontamente tre squadre dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Isernia oltre ai carabinieri, allertati da una persona che si era accorta di quanto stesse succedendo.

Incendio europea 92

L’incendio, che si è propagato velocemente al secondo piano dell’immobile di Roccaravindola (provincia di Isernia), ha devastato gli uffici, distrutto arredi e soprattutto importanti documenti. Dopo aver spento le fiamme, i locali sono stati bonificati e sono stati avviati gli accertamenti per ricostruire la causa del rogo che in un primo momento sembrava doloso. Ipotesi che non è stata confermata: sembra che gli investigatori non abbiano trovato segni che possano far pensare a qualcuno che si sia introdotto nei locali per appiccare il fuoco.

La causa più probabile sembra quella accidentale: forse a scatenare l’incendio, che ha suscitato una certa apprensione in paese, è stato un cortocircuito probabilmente riconducibile al surriscaldamento di uno dei  computer presenti nei locali.

europea 92