Quantcast

Fu colpito da un ictus, Padre Giaocchino è guarito: oggi la sua prima messa dopo cinque mesi

Mancava dallo scorso maggio. Colpito da un ictus, è stato costretto ad importanti cure intensive per guarire e riabbracciare i suoi fedeli.

Padre Joachim Blaij – oggi 4 ottobre, giorno di San Francesco d’Assisi – è tornato nella sua parrocchia di San Pietro, in via San Giovanni a Campobasso.

Accolto con gioia, affetto e un lungo e fragoroso applauso, padre Gioacchino, come lo chiamano i suoi fedeli e parrocchiani,  ha celebrato messa davanti ad un’assemblea ridotta nel numero a causa del covid ma commossa ed emozionata.

Di origini romene, era stato colpito dall’ictus a maggio e ricoverato all’istituto Neuromed di Pozzilli era stato sottoposto ad un lungo e delicato intervento chirurgico. Poi, il coma farmacologico per consentire la terapia adeguata e infine il risveglio e la riabilitazione che ha permesso a padre Gioacchino di tornare a Campobasso e riabbracciare (seppure soltanto in modo figurato) la sua comunità. Che in questi lunghi mesi non ha mai smesso di pregare per lui.

Quindi il frate francescano, proprio nella ricorrenza del santo “poverello d’Assisi”, ha concelebrato oggi, alle 11, nella “sua” parrocchia di S.Pietro Apostolo.