Fondi per le scuole di Campobasso: oltre 1 mln per ricostruire la media Montini. Interventi anche sull’asilo di via Jezza

Ammessi dal Ministero dell’Interno i progetti presentati dal Comune di Campobasso: la storica scuola media di via Scarano sarà demolita e costruita ex novo sempre nel quartiere Cep. Invece sono stati stanziati circa 135mila euro per la progettazione e ristrutturazione della scuola materna. Altri 50mila euro serviranno alla messa in sicurezza della collina Monforte.

Esattamente tre anni fa la chiusura forzata. Parliamo della scuola ‘Montini’ di Campobasso: il 16 novembre del 2017 il crollo di un solaio di un laboratorio che per fortuna non provocò danni agli studenti e al personale docente. Un fatto che in fretta e furia fece decidere all’allora amministrazione Battista di chiudere l’istituto. Da allora i lucchetti non sono stati più riaperti.

 

Crolla il solaio, la Montini chiude. Infiltrazioni d’acqua anche nelle scuole nuove

Finalmente sono arrivati i soldi dal Ministero dell’Interno, che nelle ultime ore ha comunicato lo scorrimento della graduatoria (con un finanziamento di ulteriori 300 milioni di euro in totale) dei progetti ammissibili per il 2020 presentati dagli enti locali per gli interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico.

 

Il Comune di Campobasso è rientrato nella graduatoria dei comuni beneficiari e, come richiesto, ha già confermato l’interesse ai contributi con una comunicazione indirizzata al Ministero stesso. Si tratta di contributi concessi agli enti locali per spesa di progettazione definitiva ed esecutiva, relativa ad interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico.

 

L’importo più importante è il contributo per la progettazione definitiva ed esecutiva, per un milione e 150mila euro, relativa alla demolizione e ricostruzione della scuola Montini, già inserita nell’accordo di programma Sistema Scuole-Sicure. Sarà ricostruita in via Scarano, esattamente nello stesso posto della ‘vecchia’ sede.

 

La scuola Montini ‘resta’ al Cep: “Sarà demolita e ricostruita in via Scarano”. Lavori da 9 mln

 

Ulteriori 134.873,44 euro sempre per la progettazione/ristrutturazione edilizia della scuola materna di via Jezza, anch’essa rientrante nell’accordo di programma Sistema Scuole – Sicure.

Sia la Montini che l’asilo sono stati tra gli istituti oggetto delle indagini di vulnerabilità commissionate nella scorsa legislatura al gruppo di lavoro dell’Università del Molise guidato dal professore Carlo Callari. Per i tecnici il plesso di via Scarano andava abbattuto e ricostruito alla luce delle criticità emerse e non risolte dai lavori di miglioramento sismico. Discorso simile per l’infanzia di via Jezza: anche questo necessita di interventi di messa in sicurezza.

Infine, ma non per importanza, da Roma è arrivato un finanziamento da circa 50mila euro (50.714,40 euro per la precisione) per la messa in sicurezza della collina Monforte–versante nord-est del monte Sant’Antonio.