Disostruzione pediatrica, c’è la legge. Campagne informative e corsi per salvare la vita dei bambini

La disostruzione pediatrica è la manovra salva-vita che permette di liberare le vie aeree in un bambino da un corpo estraneo. Finalmente anche il Molise ha la sua legge regionale approvata oggi, 21 ottobre, in Consiglio regionale. Promotori dell’iniziativa i consiglieri Andrea Di Lucente e Salvatore Micone.

Lungo l’iter della legge (n. 48 avente ad oggetto: “Diffusione tecniche di pronto intervento per la disostruzione
pediatrica”). era stata presentata oltre un anno e mezzo fa.

“Da oggi – spiega Di Lucente – anche in Molise partiranno specifiche campagne informative e il coordinamento di quelle che già sono affidate alle associazioni per arrivare ad una conoscenza capillare delle pratiche per salvare la vita dei bambini molisani. Per salvare una vita in questi casi servono 3 minuti, oltre è già troppo tardi: è impossibile sperare nell’intervento dei sanitari. Ognuno di noi deve fare la sua parte e conoscere le manovre necessarie per intervenire. Diffonderle, rendere patrimonio di tutti è una battaglia di civiltà. Chi, come me, è padre di bambini in tenera età, sa quanto questa cosa sia importante per i genitori, come si possano sentire tranquilli sapendo che la Regione ‘premia’ le strutture che assumono operatori preparati o li formano, quando hanno a che fare con i bambini”.

Nell’articolato si prevede poi che la stessa Regione promuova, anche attraverso protocolli o intese con l’Asrem, con la Federazione Italiana dei Medici Pediatri del Molise, le associazioni e con i portatori di interesse che si occupano della difesa e della tutela dei diritti dell’infanzia, tutte le iniziative volte a prevenire la morte per soffocamento accidentale dei bambini da zero a dieci anni, nonché a sensibilizzare la formazione del personale docente e non docente degli asili nido e delle scuole dell’infanzia riguardo le tecniche di disostruzione delle vie aeree in età pediatrica e le manovre di rianimazione cardiopolmonare pediatrica di base. Come pure la stessa amministrazione regionale è impegnata a promuovere presso le istituzioni scolastiche, anche attraverso enti che si avvalgono di istruttori e formatori inidoneamente certificati, oppure campagne di sensibilizzazione e diffusione delle linee guida sulle tecniche salvavita rivolte al personale docente e non docente, educatori, genitori e studenti.

A votare contro la proposta dei due inquilini di palazzo D’Aimmo i consiglieri del Movimento 5 Stelle.

“Non comprendo i ‘no’ che questa proposta di legge ha ricevuto in consiglio – afferma ancora Di Lucente -, soprattutto da esponenti dei 5 Stelle. Sapere che non hanno a cuore un tema così importante è davvero molto triste. La proposta di legge, lungi dal voler essere solo una bella norma, sarà da forte stimolo per tutti noi. Conoscere come intervenire quando un bambino sta soffocando è fondamentale. A tal proposito, vorrei anche ringraziare i tantissimi volontari e le tantissime associazioni che da tempo svolgono questa lodevole opera di divulgazione sul territorio molisano. Adesso ci sarà una strutturazione più adeguata”.