Due ragazzini denunciati: uno aveva un coltello a serramanico, l’altro spacciava

Nei guai un minorenne di Campobasso e un giovane di Campodipietra 'pizzicati' dai Carabinieri del Nucleo operativo

Lo hanno trovato con un grosso coltello a serramanico nascosto nella tasca del giubbotto. Per questo, il ragazzino – minorenne e già pregiudicato – è stato denunciato dai Carabinieri per porto di armi od oggetti atti ad offendere. L’arma, lunga 23,5 centimetri e con una lama di 11, è stata trovata durante un controllo del personale del Nucleo Operativo di Campobasso insospettito dall’atteggiamento del giovane.

Alla vista della pattuglia, in base alle ricostruzioni dei carabinieri, il ragazzino ha cambiato direzione e si è coperto il volto con una felpa. L’atteggiamento non è passato inosservato ai militari che hanno deciso di effettuare le opportune verifiche. Quindi il ritrovamento del coltello a serramanico.

 

Un altro ragazzo si dedicava allo spaccio di sostanza stupefacente come appurato sempre dai Carabinieri del Nucleo Operativo.

Il giovane di Campodipietra, in trasferta a Campobasso, fermato ad un posto di controllo, è stato trovato in possesso di quattro dosi di marijuana pronte per la cessione ai giovani del posto. In totale aveva con sè 10 grammi. I militari hanno deciso di andare a fondo e di perquisire la sua abitazione dove è stato ritrovato un bilancino di precisione nonché i resti della particolare busta di colore verde e biodegradabile utilizzata per confezionare le dosi sequestratagli.

“Continua, anche in piena emergenza sanitaria, l’attività prevenzione e repressione dell’Arma dei Carabinieri di Campobasso – si legge in una nota – sia nel campo del contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti sia per i reati in genere nel capoluogo molisano, trasmettendo una percezione di sicurezza ai cittadini che sempre più collaborano in tal senso con le forze di polizia”.