Vanno a fare il bagno nelle acque gelide: un camionista salvato in ipotermia, l’altro è disperso

Trasportato in ospedale con l'elicottero un 39enne polacco mentre si cerca in mare fra Abruzzo e Molise anche coi sommozzatori un 41enne ucraino

Erano appena stati allo stabilimento Pilkington di San Salvo. Poi per motivi difficili da capire, hanno deciso di andare a fare il bagno nelle acque gelide della spiaggia a nord del porticciolo turistico di San Salvo Marina.

Sono due camionisti, uno polacco di 39 anni salvato grazie ad alcuni pescatori che si trovavano a passare in zona, e un 41enne ucraino che risulta disperso da circa tre ore. È accaduto questo pomeriggio 26 settembre al confine tra Molise e Abruzzo dove in serata sono andate avanti le ricerche operate dalla Guardia costiera di Vasto e di Termoli anche grazie a un elicottero arrivato da Pescara.

Ma al momento non c’è traccia del camionista ucraino disperso fra le onde del mare in una giornata pienamente autunnale fra vento forte e freddo. Salvato per miracolo il collega polacco, che è stato avvistato da un gommone con a bordo tre marinai di una società locale e tratto in salvo in leggero stato di ipotermia.

Quando è stato portato a riva, l’uomo non era cosciente. Immediato l’arrivo del 118 e il trasporto in elicottero all’ospedale di Chieti. La Capitaneria di porto ha invece proseguito le ricerche dell’altro autotrasportatore grazie anche a una motovedetta e personale di terra.

Sul posto anche i sommozzatori dei vigili del fuoco per una immersione nel tentativo di ritrovare l’uomo nelle acque fra Molise e Abruzzo, al confine tra San Salvo e la Marina di Montenero di Bisaccia. I carabinieri di San Salvo stanno seguendo gli sviluppi della vicenda anche per chiarire eventuali responsabilità. A notte inoltata le ricerche sono state sospese, data la scarsa visibilità notturna, per proseguire probabilmente domattina.