Unire con la cultura le due sponde del mare, nasce il Festival Futura Memoria Adriatica

Si è tenuta stamane nella sala consiliare di Montecilfone la conferenza stampa di presentazione del Festival Futura Memoria Adriatica. Sono intervenuti Giandomenico Sale (direttore artistico e ideatore del Festival), Giorgio Manes (Sindaco di Montecilfone), Fausto Bellucci (Sindaco di San Felice del Molise), Driada Denvishi (regista del Teatro Nazionale “A.Moissi” di Durazzo – Albania), Fernanda Pugliese (Direttrice Rivista bilingue Kamastra, Arbresh – italiano e Croato – Italiano).

Gli artisti selezionati per le residenze sono Elena Copelli (danzatrice e coreografa) progetto Corpo di lingua/lingua di Corpo (Italia) Alisia Ialicicco (danzatrice e coreografa) progetto Ciao, Aufwiedersehen Goodbye! (Italia) Irida Gjiergi (attrice e musicista) progetto Mall (Albania) Aida Llukaj (coreografa, danzatrice) progetto Ne, ieri, oggi, domani (Albania) Josipa Bubas (danzatrice, performer) progetto Commersion Movement (Croazia) Tomislav Cuvelijak (videomaker) progetto Commersion Video (Croazia).

“Nella metà del XV secolo – riferiscono gli organizzatori – comunità albanesi e croate si insediarono in Molise mantenendo intatta la loro parlata che, pur se inquinata dal tempo, rimane e contraddistingue questi molisani di Campomarino, Montecilfone, Portocannone e Ururi (di origine albanese) e di Acquaviva Collecroce, Montemitro e San Felice del Molise (di origine croata).

La lingua parlata nel Cinquecento si può ascoltare nelle piazze dei paesi albanesi e croati. Anche questa è una risorsa e così il mare Adriatico. Se un giorno fu la via percorsa da albanesi e croati per giungere nel Molise, nulla toglie che torni ad essere via di comunicazione per popoli, commerci e idee. Quale veicolo è più indicato dell’Arte per rafforzare i legami tra le sponde dell’Adriatico? Spinti da questa idea nasce il Festival Futura Memoria Adriatica, un incontro tra artisti dei tre paesi coinvolti che hanno come obiettivo da un lato quello di dare nuova linfa vitale ai paesi molisani in via di abbandono e spopolamento grazie a un nuovo “ripopolamento”, questa volta creativo.

Dall’altro lato cucire rapporti culturali con Croazia e Albania per creare quel ponte necessario tra le due sponde dell’Adriatico e dare vita a scambi e rapporti utili all’economia turistica e culturale.

Il programma degli eventi prevede sabato 26 settembre dalle 18 a San Felice del Molise e sabato 3 ottobre sempre dalle ore 18 a Montecilfone al via la residenza degli artisti selezionati, provenienti da Italia, Albania e Croazia, che dal 3 al 9 ottobre, per ognuna delle due location molisane, produrranno nel territorio performance di teatro danza distinte e contaminate tra loro.

giandomenico sale giorgio manes

Domenica 4 ottobre alle 19 a Montecilfone Concerto artisti croati ed esibizione di danze tipiche albanesi. Nella fase finale del Festival, sabato 10 ottobre a Montecilfone e domenica 11 ottobre a San Felice del Molise, presentazione al pubblico delle performance realizzate dagli artisti in residenza.

Durante il periodo di residenza ogni artista curerà un workshop rivolto alla popolazione e a quanti vorranno partecipare. La prima edizione di Futura Memoria Adriatica, grazie a questa nuova linfa artistica e culturale, propone un’indagine volta a promuovere il riuso e la valorizzazione di un patrimonio abitativo e paesaggistico, dei piccoli comuni molisani coinvolti, vittime di decenni di spopolamento e abbandono, che comprenda una riflessione su architettura, tradizioni orali e artigianali, che possa divenire un campo di sperimentazione artistica e culturale.

L’obiettivo principale del Festival consiste nel valorizzare il territorio molisano di origine albanese e croata nelle sue bellezze più “nascoste”, raccogliendo il germe della tradizione per trasformarlo, nel presente, in un nuovo modo di abitare dei luoghi spesso sconosciuti, perché marginalizzati e abbandonati nel processo di sviluppo contemporaneo”.

FMA 2020 è ideato e promosso dall’Associazione Culturale Frentania Teatri con la direzione artistica di Giandomenico Sale, il contributo della Regione Molise nell’ambito del Patto per lo sviluppo della Regione Molise, Area Tematica Turismo è Cultura, Programma integrato per lo sviluppo e la promozione del turismo “Molise che incanta”. In collaborazione con: comune di Montecilfone, comune di San Felice del Molise, Teatro Nazionale “Alessandro Moissi” di Durazzo, Associazione Culturale Kamastra, Associazione AGIMI albanesi d’Italia, Associazione APS ART – Centar za Pozorisna Istrazivanja di Belgrado.

festival futura memoria adriatica

Il programma degli eventi

  • 26.09 Apertura Festival san Felice del Molise
  • dal 03 al 09 ottobre residenze artistiche nei comuni di Montecilfone e San Felice del Molise con workshop eseguiti dagli artisti in residenza;
  • 04.10 Serata con concerto musiche croate e danzatrice tipica albanese (Montecilfone)
  • 10.10 Serata conclusiva a Montecilfone con performance conclusive degli artisti in residenza.
  • 11.10 Serata conclusiva con performance degli artisti in residenza a San Felice del Molise.