Slitta a giovedì 17 il rientro in classe per la scuola media ‘Montini’: bisogna sistemare banchi e arredi

Solo oggi - 12 settembre - il privato ha consegnato all'amministrazione l'immobile preso in affitto in via Giovannitti dove bisogna sistemare i banchi e gli altri arredi scolastici. Ma a decidere il trasferimento delle medie nello stabile è stata la dirigente Anna Gloria Carlini che ha preferito evitare disagi ai genitori dei piccoli e alle insegnanti delle elementari che si sarebbero dovuti barcamenare tra due plessi distanti alcuni chilometri. La novità ha scombussolato le famiglie dei ragazzi delle medie. Per fortuna l'istituto non chiuderà per l'election day: non è seggio elettorale.

La novità a poco più di 24 ore dal rientro in classe. Lunedì 14 settembre la campanella non suonerà per gli studenti dell’istituto comprensivo ‘Montini’ di Campobasso: l’inizio delle lezioni in classe slitta a giovedì 17. La decisione è arrivata questo pomeriggio (12 settembre) come comunicato dal sindaco Roberto Gravina “in piena condivisione” con la nuova dirigente scolastica, Anna Gloria Carlini, che ha preso il posto di Agata Antonelli.

Vacanze prolungate dunque di qualche giorno per gli alunni delle medie: alla fine saranno loro a trasferirsi nell’immobile privato affittato dall’amministrazione pentastellata (e il cui costo non è noto, ndr), non i compagni più piccoli delle elementari della Giovanni Paolo II come ipotizzato inizialmente dallo stesso Comune.

Nelle ultime ore, però, la dirigente scolastica ha deciso diversamente preferendo evitare disagi alle famiglie dei più piccoli e agli insegnanti, che avrebbero dovuto fare ‘avanti e dietro’ tra l’istituto del quartiere Cep e quello della zona industriale. Insomma nel giro di poco tempo ha sconfessato il piano della giunta Gravina.

La novità dell’ultima ora ha comunque colto di sorpresa gran parte dei genitori. Il ritardo sulla tabella di marcia rispetto all’inizio del calendario scolastico probabilmente è dovuto al tempi tardivi in cui sono iniziati i lavori di edilizia leggera per ampliare le aule in modo tale da consentire il distanziamento in classe e il trasferimento delle classi nell’edificio privato in via Giovannitti, per la precisione nella ex sede della Team System di proprietà di Larivera e presa in affitto dall’amministrazione a 5 Stelle.

Insomma nell’immobile della zona industriale, che solo oggi il privato ha consegnato al Comune, è necessario preparare gli spazi che dovranno accogliere circa 200 alunni, sistemare banchi e lavagne. Impossibile dunque finire tutto entro dopodomani.

Locali affittati scuola Giovanni Paolo II Campobasso

“Per permettere una accurata e soddisfacente organizzazione della logistica e della didattica nella sede di via Giovannitti e nei nuovi spazi presi in affitto dall’amministrazione comunale nella zona industriale e consegnati nella giornata di oggi all’istituto comprensivo Montini – si legge nella nota diramata dal Municipio – il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, in piena condivisione con la dirigente, dottoressa Anna Gloria Carlini, stabilisce tramite ordinanza, per le classi della scuola secondaria di primo grado dello stesso istituto, l’inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico a partire da giovedì 17 settembre 2020.

Si tratta di una decisione sposata con reciprocità dall’amministrazione comunale e dalla dirigenza scolastica dell’Istituto Montini, con lo scopo di poter offrire agli alunni e alle loro famiglie una situazione sicura, stabile e definitiva per l’inizio del nuovo anno scolastico”.

Per fortuna la scuola poi non chiuderà per l’election day organizzato per consentire (almeno a Campobasso) il voto sul referendum per il taglio dei parlamentari: non è sede elettorale. 

La notizia al tempo stesso ha aumentato i malumori dei genitori dei piccoli studenti, che già avevano organizzato le attività quotidiane a partire da lunedì 14, secondo la data fissata dal governo nazionale e regionale sull’inizio dell’attività didattica a lungo bloccata dalla pandemia mondiale provocata dal coronavirus. Punto e a capo. Almeno fino a giovedì dovranno ‘arruolare’ nonni e baby sitter per non lasciare i figli da soli a casa.

Rientro in classe a ostacoli: 10 aule traslocano in un edificio privato. Il Comune: “L’alternativa erano i doppi turni”