Schianto a Sepino, fissati i funerali di Cristino e Mariangela. Il figlio della donna indagato per omicidio colposo

Il giovane conducente della Bmw, ricoverato sempre in gravissime condizioni nel reparto di Rianimazione, è stato iscritto nel registro degli indagati per la morte delle due persone (tra cui sui madre) dell'incidente avvenuto il 31 agosto sulla statale 87. Intanto il magistrato non ha disposto l'autopsia trovando chiara la causa del decesso dell'uomo di 72 anni e della signora di 51, le cui esequie saranno celebrate domani pomeriggio rispettivamente a Sepino e a Campolattaro. Invece sarà sottoposta ad un'operazione chirurgica la moglie di Cristino, che ha riportato la frattura di tibia e perone.

Sepino e Campolattaro (in provincia di Benevento) sono due comunità in lutto, affrante e sgomente, dove resta inspiegabile l’incidente che ieri sera ha spezzato due vite, quelle di Cristino e Mariangela, e distrutto due famiglie. I due paesi, distanti pochi chilometri ma uno in Molise e l’altro in Campania, si preparano a dare l’ultimo saluto alle due vittime del drammatico schianto avvenuto intorno alle 19 di ieri – 31 agosto – sulla statale 87, nei pressi del bivio di Sepino.

I funerali sono stati fissati dopo che le loro salme sono state restituite alle famiglie, come deciso dal magistrato che non ha disposto l’autopsia: la causa del decesso del 72enne e della 51enne è chiara per gli inquirenti, un politrauma della strada dovuto al violento impatto. E’ stata ritenuta sufficiente l’ispezione svolta dal medico legale subito dopo il sinistro.

A Sepino i funerali di Cristino Iamartino, titolare di un’impresa che si occupava di lavori edili, trasporto e movimento terra, saranno celebrati alle 16 nella chiesa di Santa Cristina. Non ci sarà la moglie, ancora ricoverata all’ospedale Cardarelli di Campobasso: la donna, che viaggiava con lui sulla Hyundai, dovrà essere sottoposta ad un’operazione chirurgica alla gamba a causa di una frattura di tibia e perone. Sepino in queste ore sta pregando per lei, affinchè possa presto riprendersi.

Sotto shock Campolattaro, il cuore di questa tragedia: Cosimo, il 28enne alla guida della Bmw, resta ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di Rianimazione del Cardarelli di Campobasso. E’ uno dei due figli di Mariangela Forgione, 51enne operaia in una azienda tessile, sposata con un dipendente comunale. Il giovane è iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo: per ora sarebbe ritenuto l’unico responsabile del decesso della madre e del 72enne di Sepino. 

Al tempo stesso ci sono alcuni elementi dell’incidente da accertare. Su questo sono al lavoro i Carabinieri di Bojano che dovranno chiarire determinati aspetti del violento impatto, la cui dinamica sembra essere stata delineata: la Bmw, che viaggiava in direzione Campobasso, ha invaso ad un certo punto l’altra corsia di marcia. Prima ha urtato contro un Pick up che viaggiava in direzione Benevento colpendo marginalmente la parte posteriore destra. Poi la Bmw avrebbe concluso la sua corsa contro il guardrail della corsia opposta. In quel momento stava sopraggiungendo la Hyunday sui cui viaggiavano Cristino Iamartino e la moglie. Lo scontro è stato inevitabile: in base alle ricostruzioni degli investigatori, la Hyunday ha centrato il lato passeggero della Bmw occupato dalla signora Mariangela che è deceduta. Pochi minuti dopo è spirato anche il 72enne di Sepino che sarebbe stato sottoposto a massaggio cardiaco dai soccorritori giunti sul posto.

Per quale motivo la Bmw ha invaso l’altra corsia? Un malore del conducente? Una distrazione al telefonino o un problema agli pneumatici che forse hanno perso aderenza durante il nubifragio che ha interessato la zona del Matese in quei minuti? Ecco alcuni dei nodi da sciogliere e che potrebbero aggravare la posizione del giovane 28enne di Campolattaro modificando il reato di cui potrebbe essere chiamato a rispondere in omicidio stradale.