MoliseCinema, il libro su Favino sarà presentato alla Mostra di Venezia

Il 4 settembre durante la 77° Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia sarà presentato “Pierfrancesco Favino. Collezionista di anime”, il volume del Festival MoliseCinema su Pierfrancesco Favino. Il lavoro editoriale è stato presentato lo scorso 6 agosto a Casacalenda alla presenza dell’attore.

Favino mattatore a MoliseCinema: «Quando la mia fidanzata mi disse ‘Se non provi a fare l’attore sei scemo’»

Il volume, presentato dai curatori Fabio Ferzetti e Federico Pommier Vincelli, contiene saggi critici, testimonianze e approfondimenti inediti sull’attore ed è pubblicato nella collana editoriale di MoliseCinema, edita da Cosmo Iannone Editore. Atteso anche Pierfrancesco Favino.

L’appuntamento è alle 16 all’Italian Pavilion dell’Hotel Excelsior e in diretta streaming sul sito www.italianpavilion.it. L’evento è organizzato in collaborazione con il festival Giornate della Luce di Splimbergo. Per accedere è necessario prenotarsi inviando una mail a: info@giornatedellaluce.it

Attore dell’anno, fresco del David di Donatello per la sua interpretazione ne Il Traditore di Marco Bellocchio, Favino è appena stato nominato tra i nuovi membri degli Academy Award, la prestigiosa giuria degli Oscar. Il libro ne ripercorre la carriera attraverso 11 saggi critici e le testimonianze di registi e colleghi. Tra queste un testo di Marco Tullio Giordana e interviste a Marco Bellocchio, Giuliano Montaldo, Ferzan OzpetekKasia Smutniak e Maria Sole Tognazzi.

Gli 11 saggi, che analizzano la vasta filmografia dell’attore, sono firmati da Pedro Armocida, Elisa Battistini, Matteo Brighenti, Daniele Brogi, Francesco Castelnuovo, Alberto Crespi, Federico Gironi, Federico Pedroni, Federico Pontiggia, Ilaria Ravarino, Ermanno Taviani.

Il volume è completato da un’ampia e appassionante conversazione con i curatori in cui lo stesso Favino racconta se stesso e la sua idea di cinema, con ricordi, aneddoti, retroscena sui film interpretati e riflessioni sul ruolo dell’attore, sul rapporto con i registi, sulla storia italiana raccontata attraverso le sue interpretazioni. Da Il Traditore a Hammamet, vere e proprie “biografie di una nazione”, ai film corali, dai personaggi della Roma più oscura alle commedie, le pagine del libro ripercorrono una carriera lunga e variegata.

Dopo il libro su Elio Germano e quello su Alba Rohrwacher, MoliseCinema continua a esplorare il mondo degli attori, con un viaggio attraverso la carriera di uno tra più talentuosi, eclettici e versatili interpreti del cinema italiano.

In un anno complesso come questo, a causa della pandemia, MoliseCinema si è svolto dal 4 al 9 agosto a Casacalenda, ottenendo un grande successo e nel rispetto delle norme anti-Covid. Diretto da Federico Pommier Vincelli, il Festival è organizzato dall’Associazione MoliseCinema. Promosso da Regione Molise e Comune di Casacalenda, ha il patrocinio e il contributo della Direzione Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.