La crisi infinita, Molise Acque ferma il flusso d’acqua: Montecilfone e Tavenna a secco

Ancora problemi di carenza idrica a Montecilfone e Tavenna, i paesi più colpiti in questa estate dalle continue sospensioni del flusso di acqua in arrivo dall’acquedotto Molisano Sinistro.

Da ieri sera alle 20 circa l’acqua manca a Tavenna. Così il sindaco Paolo Cirulli: “Siamo alle solite, la gente è esasperata e noi non abbiamo più risposte da dare. Ho contattato Molise Acque e dicono che il problema è sempre lo stesso, manca acqua nelle tubature”. Stando alla spiegazione fornita a Cirulli, stavolta “nessuna rottura, manca acqua alla sorgente”.

Una giustificazione che non soddisfa più i sindaci, infuriati per i disagi. “Ci hanno detto che nel fine settimana potevano esserci dei problemi, poi il 90 per cento dei problemi si sarebbe risolto” aggiunge Giorgio Manes di Montecilfone.

I due paesi soffrono più degli altri perchè anche una chiusura del flusso per poche ore fa sì che nelle tubature non arrivi più acqua, a causa dell’indisponibilità dei rispettivi serbatoi, danneggiati dal sisma 2018 e inagibili.

“Ci hanno assicurato che per le 14 sarebbe tornata l’acqua” ha riferito Manes. Ma intanto le case sono ancora a secco e i cittadini esasperati. Solo domenica scorsa c’erano stati tantissimi disagi per una rottura durante l’interclusione fra il Molisano Sinistro e il Molisano centrale.

Guasto riparato, torna l’acqua. Ma restano i disagi in alcuni comuni del Basso Molise