Inaugurazione dell’anno scolastico, l’orchestra della ‘Dewey’ si esibirà davanti a Mattarella

L’Istituto comprensivo “J. Dewey” di San Martino in Pensilis parteciperà a Vò (provincia di Padova) alla cerimonia nazionale di inaugurazione dell’anno scolastico 2020/21, come una tra le scuole vincitrici del relativo concorso nazionale con il video “Vare Vare”. Una rappresentanza dei giovani studenti protagonisti del progetto “Voci nella Storia” da cui scaturisce il lavoro premiato, si esibirà in presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, domani 14 settembre insieme all’Orchestra Rai.

La cerimonia sarà trasmessa in diretta su Rai uno dalle 16:30 alle 18:30. Il lavoro premiato è la sintesi di un progetto biennale dal nome “Voci nella Storia”, che si colloca all’interno di percorsi di Educazione alla legalità e alla Cittadinanza attiva, educando al rispetto reciproco attraverso la difesa delle differenze e la conoscenza delle matrici storico-linguistico-culturali delle stesse. Si tratta di un video registrato durante la Didattica a Distanza che valorizza la comunità arbëreshë, sfruttando il linguaggio della musica con l’Orchestra d’ Istituto “Gabriella Pensa”.

Fanno riferimento, infatti, all’I.C. “John Dewey” di San Martino in Pensilis i plessi di Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria e Secondaria di primo grado di Ururi e Portocannone, paesi di origine arbëreshë. Queste due comunità costituiscono, insieme ad altre realtà presenti nel Molise, un gruppo con una precisa identità e conservano, oltre la lingua, anche modelli culturali che rispecchiano l’ospitalità (mikpritia), l’onore (ndera), la fedeltà (besa), la fratellanza (vellamja).

Intorno al progetto “Voci nella Storia”, idea concepita dalla Professoressa Cristina Acciaro (ex dirigente scolastico dell’Istituto) e portato avanti dalla neo Dirigente Professoressa Immacolata Lamanna, ha come obiettivo principale il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale e linguistico attraverso il racconto orale e il riassunto scritto della novellistica, fornendo le competenze linguistiche nella comprensione delle fonti e nella produzione di testi e sviluppando la padronanza della lingua minoritaria e delle conoscenze storiche ad essa correlate.

Quest’anno scolastico il progetto si è avvalso, di diverse figure di esperti il Professore Domenico Ialonardi, che ha collaborato con gli insegnanti di Strumento musicale (professore Graziano Carbone, professore Tiziano Albanese, professore Dario Belnudo, professore Vittorio Genovese), approfondendo le ricerche di parti vocali e strumentali della tradizione; le insegnanti Maria Antonietta Mancini e Lia Glave, esperte di lingua arbëreshë che hanno approfondito l’insegnamento delle strutture linguistiche che nonché lo studio di letteratura specifica.

L’Orchestra di solito, in didattica “normale”, sarebbe stata impegnata in un concerto live, come conclusione del lavoro svolto durante il percorso. Purtroppo a causa della pandemia legata al Covid-19, dal mese di marzo il progetto è stato stravolto completamente con la Didattica a Distanza, ma la qualità non è venuta meno grazie alla professionalità dei docenti e alla bravura dei giovani studenti che hanno appena concluso il primo ciclo anche con ottimi risultati.

‘Vare Vare’, come canto liberatorio, sarà di nuovo protagonista in una esecuzione dal vivo, alla ribalta nazionale. Il video ha come introduzione, alcune immagini tratte dal docufilm Adriatico-il mare che unisce, concesso grazie alla collaborazione con Creative Motion diretto da Cristiana Lucia Grilli.

Qui il video della performance.