Quantcast

Il primo Eco Parco d’Abruzzo (a tariffa intelligente) progettato e realizzato da un’azienda molisana foto

Sarà consegnato oggi alla comunità di Lanciano il Parco sostenibile e inclusivo voluto dal Consorzio pubblico Ecolan e messo a punto dalla Econtrol Gsm di fausto Di Stefano, che ha sede nel Nucleo Industriale di Termoli. Un progetto avanguardistico pioniere della sperimentazione della tariffa puntuale, legata alla reale produzione di rifiuti, che consente ai cittadini di pagare non sulla base del metodo presuntivo e sul criterio dei metri quadrati dell'immobile, ma sul quantitativo effettivo di rifiuti prodotto e differenziato.  

Il primo Eco Parco d’Abruzzo è progettato e realizzato da una azienda tutta molisana, la Ecocontrol Gsm di Fausto di Stefano che ha sede nel nucleo industriale della Valle del Biferno. E’ qui, nel Consorzio termolese, che si sviluppa l’idea di uno spazio urbano concepito per ospitare sistemi di ultima generazione per il conferimento dei rifiuti e per erogare acqua microfiltrata e detersivo biologico, ma anche per offrire ai cittadini benessere, relax, interazione sociale. Il principio alla base del progetto di EcoLan spa, il soggetto promotore, è una città a misura d’uomo, con servizi gratuiti, facilmente fruibili da tutti e raggiungibili anche a piedi.

Un progetto innovativo che oggi, venerdì 11 settembre, sarà consegnato alla città di Lanciano. 2500 metri quadrati nel quartiere di Santa Rita, dove hanno trovato spazio 2 strutture ecologiche di quelle che fanno bene all’ambiente e anche al portafogli. All’interno dell’Eco Parco pubblico ci sono un’isola Multiservice, un’isola per l’applicazione della tariffa puntuale, un parco giochi inclusivo dedicato anche ai bambini diversamente abili, l’area fitness, l’area sgambatura cani (dog area) con un distributore di acqua per i cani, panchine dotate di ricarica smartphone/tablet e connessione wi-fi veloce e gratuita.

Ecoland lanciano parco

La Multiservice contiene a sua volta un distributore d’acqua microfiltrata, naturale o frizzante, un sistema di Pet counting o compattatore che permette il conferimento da parte degli utenti di bottiglie e flaconi in plastica; un distributore di sacchetti biodegradabili per la raccolta dell’organico; un distributore di borracce in alluminio; il servizio di raccolta di olio vegetale esausto. Trova spazio anche una colonnina di ricarica per mezzi elettrici che consente il gonfiaggio, la ricarica di bici elettriche e attrezzatura per manutenzione delle bici; uno schermo Lcd per promo e informazioni di pubblica utilità; un distributore di detersivo ecologico.

La vera novità è l’Ecoisola che sperimenta, pioniera in Italia, la tariffazione puntale. Qui si possono conferire cinque categorie di rifiuto: carta/cartone, plastica e metalli, secco residuo, organico, vetro. Funziona con un sistema a punti, facendo completamente a meno di circolazione di denaro, grazie a una App – perfezionata anche questa da Ecocontrol- che utilizza le più moderne tecnologie su smartphone per ottenere i codici e l’accumulo dei cosiddetti ecopunti. Sui loro telefonini gli utenti generano un codice univoco persona (QR_CODE) con cui ritirare il Kit dei sacchetti in dotazione. Ogni tipologia di rifiuto  avrà un numero di buste pari al proprio fabbisogno trimestrale. Le buste sono codificate e associate all’utente cosi da verificare costantemente la qualità e la quantità dei rifiuti conferiti da ogni utenza necessari per l’applicazione della tariffa puntuale, che garantisce un risparmio importante ai cittadini virtuosi in termini economici e va a configurarsi come una sperimentazione (per ora 6 mesi) nel ciclo di raccolta differenziata dei rifiuti, il settore di riferimento di Ecolan, società a capitale interamente pubblico costituita da ben 67 Comuni abruzzesi dell’area sangro-frentana-vastese che è una delle realtà più riuscite d’Italia in questo campo, e che non ha mai chiuso un esercizio finanziario in passivo.

Ecoland lanciano parco

L’intero Eco Parco, aggregativo, inclusivo e innovativo dove tra le altre cose sarà possibile fare lezione all’aria aperta e partecipare al concorso riservato agli studenti “A scuola di economia circolare”, è stato realizzato dalla società di Fausto di Stefano, la Econtrol, che si sta imponendo a livello nazionale e internazionale come uno dei principali riferimenti della gestione integrata dei rifiuti, grazie anche ad applicazioni elaborate proprio nella azienda termolese dove oggi lavorano 36 persone. Una realtà vivace che per Termoli ha realizzato l’Ecosquare di via Madonna delle Grazie, isola multiservice presentata nella edizione 2019 di Ecomondo, la più importante kermesse Europea sulla ecosostenibilità.

Presentata a Ecomondo di Rimini Ecosquare: arriva l’isola innovativa che premia i termolesi “ricicloni”

“Abbiamo lavorato al progetto voluto da Ecolan per tre mesi, tolto il periodo del Covid che ha obbligato anche noi a stare fermi” spiega Fausto di Stefano, soddisfatto per il consenso che ha ottenuto il progetto, alla cui inaugurazione parteciperà anche Marsilio, il Governatore dell’Abruzzo, oltre ai tecnici e ai progettisti e a tutti i sindaci dei comuni che fanno parte della rete, entusiasti di questa Piazza Futura che unisce la differenziazione del rifiuto alla riconversione dello stesso con un meccanismo virtuoso, premiando con buoni spendibili in servizi i cittadini più bravi a riciclare. Più incentivo di così non si può.

Ecoland lanciano parco