Evade i domiciliari per fare la spesa, il giudice lo condanna a 8 mesi e sospende la pena

Aveva evaso i domiciliari a cui era sottoposto dall’11 settembre per necessità. E questa mattina davanti al gip, il difensore del 52enne di Campobasso, l’avvocato Roberta Potente è riuscita a far valere le sue ragioni.

Il giudice, infatti, ha sì convalidato l’arresto, poi con il rito del patteggiamento ha condannato l’uomo a 8 mesi di reclusione sospendendo la pena.

Dunque resta ai domiciliari ma soltanto per i fatti di droga che gli sono stati contestati l’11 settembre scorso appunto. Misura per la quale la prossima settimana è stata fissata anche l’udienza davanti al Tribunale del Riesame.

Soddisfatto l’avvocato Potente per il risultato ottenuto oggi, non si sbilancia invece sulla strategie difensiva che riguarderà il suo assistito davanti al Riesame.

E’ accusato di spaccio di cocaina. Stava tornando da un viaggio in Puglia  quando ha trovato l’alt della polizia. Da un normale controllo è scattata la perquisizione che ha condotto gli agenti a scoprire la cocaina purissima di cui l’uomo si era rifornito probabilmente per piazzarla sul mercato locale.

Egli stesso aveva confessato di non fare uso di stupefacenti, dunque la deduzione che quei 30 grammi di coca purissima avrebbero semplicemente rifornito la piazza locale.