Disperso in mare a San Salvo, ritrovato sugli scogli il corpo del 41enne ucraino

È stato ritrovato stamane il corpo dell’uomo 41enne disperso in mare nelle acque di San Salvo Marina da ieri pomeriggio.

Sono stati i vigili del fuoco del Soccorso subacqueo adriatico di Ancona – come riporta il quotidiano online abruzzese ZonaLocale – ad individuare il corpo esanime dell’uomo di nazionalità ucraina che ieri, insieme ad un uomo polacco poco meno che quarantenne, si era tuffato nelle acque nei pressi del molo del porto turistico di San Salvo Marina.

Le ricerche sono riprese stamane alle 5. La squadra di ricerca, oltre al nucleo di sommozzatori che sta provvedendo ad estrarre il corpo incastrato tra gli scogli, è composta da personale della Guardia Costiera, dei Vigili del fuoco di Vasto, di Carabinieri, Polizia Locale di San Salvo e da personale del porto turistico. Le ricerche sono state coordinate dalla Capitaneria di porto di Termoli.

Vanno a fare il bagno nelle acque gelide: un camionista salvato in ipotermia, l’altro è disperso

I due uomini, entrambi autotrasportatori che erano stati alla Fiat di Termoli venerdì e poi alla Pilkington di San Salvo sabato, erano finiti in balìa del mare agitato di ieri ma hanno avuto due destini diversi. Il 39enne era stato soccorso in primis da due pescatori e poi trasportato all’ospedale di Pescara, in condizioni di ipotermia. Oggi si sa che le sue condizioni stanno migliorando. Per il suo amico invece non c’è stato nulla da fare.