Piove a dirotto e l’acqua inonda le cucce del canile: “E’ così ogni volta”

Gli animalisti tornano a denunciare i disagi nella struttura di cui da tempo denunciano carenze e presunte irregolarità tanto da aver presentato un esposto in Procura. Poi lanciano l'allarme: "D'inverno con la neve i box si riempiono d'acqua".

Più informazioni su

Siamo all’inizio dell’autunno e la forte pioggia ha inondato di acqua le cucce del canile di Santo Stefano, frazione di Campobasso.

canile pioggia Santo Stefano Campobasso

Le immagini che vi mostriamo in questo video che è stato inviato nel pomeriggio di oggi (25 settembre) alla nostra redazione sono emblematiche: le ‘cascate’ di acqua che penetrano dal tetto della struttura, il fango, le cucce sporche di escrementi. Infine, gli animali bagnati che guaiscono per lo spavento.

“È sempre così quando piove perchè la struttura è fatiscente: i cani hanno le zampe tutte bagnate”, raccontano gli animalisti preoccupati per quello che succederà fra poche settimane, quando inizierà la stagione fredda. E si prevede un altro inverno durissimo per i poveri animali ospiti del canile: “D’inverno le temperature sono proibitive di notte. Quando nevica, i box si riempiono di acqua”. 

canile santo stefano

E’ l’ultimo episodio che viene segnato, a distanza di circa un mese dall’ultima denuncia delle associazioni animaliste Stop Animal Crimes Italia e Oipa Italia che lo scorso agosto hanno acceso i riflettori sulla struttura gestita per conto del Comune di Campobasso dalla ditta Segestma, che nel 2015 si è aggiudicata l’appalto.

Il canile, che ospita 270 randagi, non avrebbe le necessarie autorizzazioni sanitarie e presenterebbe una serie di carenze al centro di un esposto che gli animalisti hanno inviato in Procura. Poco tempo fa anche le guardie zoofile hanno elevato una sanzione di 12.500 dopo aver riscontrato irregolarità, mentre le associazioni continuano a chiedere all’amministrazione Gravina di dar seguito a quanto promesso in campagna elettorale.

Canile, associazioni insistono: “Non ha autorizzazioni sanitarie, urgente trovare nuovo sito”

Più informazioni su