Verde pubblico e cemento a Termoli, botta e risposta fra M5S e centrodestra

Più informazioni su

Botta e risposta tra Movimento Cinque Stelle e Comune di Termoli riguardo al verde pubblico della città.

Nel programma elettorale “Progettiamo Termoli Insieme” del Sindaco Roberti – scrivono i pentastellati termolesi -, leggiamo a pagina 7 sotto la voce ambiente: ‘Intendiamo lavorare per un Comune ambientalmente sostenibile grazie a: Buone pratiche che possano far diventare Termoli una città ecologicamente sostenibile: raccolta differenziata efficiente, prevedendo isole ecologiche in tutti i quartieri, ma anche bassi consumi energetici di acqua ed energia elettrica, densità di verde urbano, fonti rinnovabili ecc; implementazione monitoraggio ambientale; valorizzazione del paesaggio; riorganizzazione gestione di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi Urbani con premialità per i cittadini virtuosi; riqualificazione delle aree verdi per una città a misura di bambino e quindi di famiglie; bioedilizia; riqualificazione degli spazi pubblici vincolando parte dei fondi degli oneri di urbanizzazione per l’ordine , la pulizia e il decoro’”.

Secondo il M5S “tante belle parole”. Sotto accusa la Delibera numero 168 del 14 luglio 2020 con la Giunta Comunale avrebbe deliberato “la monetizzazione delle aree indicate per la cessione a standard. Ciò in altre parole, si traduce, per la nostra città, in meno verde e più cemento. Questa azione dell’attuale amministrazione si aggiunge al project financing relativo al parco comunale che vedrà ettari di verde trasformati in cemento. Abbiamo depositato una richiesta di accesso agli atti e monitoreremo giornalmente la situazione per conoscere nomi, importi versati e impiego delle somme.

 

Il centrodestra al Comune di Termoli ha inteso replicare spiegando che “il deliberato in oggetto così come previsto dalla legge sul piano casa consente la monetizzazione del verde ove non è possibile reperirlo. Inoltre, proprio il piano casa prevede la bioedilizia, l’efficientamento energetico, il miglioramento sismico e il risanamento architettonico.

Come al solito si sbandiera sensibilità all’ambiente senza poi conoscere i contenuti della legge”.

Più informazioni su