Due 14enni trovano un telefonino sulla panchina e lo restituiscono al turista distratto

Piccola lezione di onestà che arriva da due adolescenti, protagonisti di un episodio “positivo” che smentisce tanti luoghi comuni sui ragazzi. Due 14enni di Guglionesi hanno messo in campo una “task force” a oltranza per restituire al legittimo proprietario un costoso smartphone dimenticato su una panchina del viale del passeggio.

E’ accaduto venerdì scorso a tarda ora, quando un cittadino di Guglionesi, nel corso di una passeggiata serale, si è imbattuto nel dispositivo appoggiato su una panchina di Viale Margherita. Era circa mezzanotte e l’uomo ha immediatamente allertato il nipote e il suo compagno, entrambi 14enni, consegnando loro lo smartphone con l preghiera di fare il possibile per risalire al proprietario.

Inutile rimarcare che i due ragazzi, senza pensarci un secondo di troppo, si sono attivati con la destrezza tecnologica tipica degli adolescenti, restando in paziente attesa della telefonata da parte del proprietario. Il caso ha voluto che a dimenticare lo smartphone non fosse un guglionesano ma un turista che proprio quella sera era ripartito alla volta del nord Italia. L’uomo si è reso conto di aver smarrito il telefono mentre era viaggio, ma non troppo lontano da Guglionesi da dover rinunciare.

Quando si è reso conto che lo smartphone era rimasto nel luogo della vacanza appena conclusa, ha chiamato sperando che dall’altra parte gli potesse rispondere qualcuno. E non è rimasto deluso. I due 14enni hanno atteso fino alle 3 della notte la chiamata, hanno dato appuntamento al turista in paese e gli hanno riconsegnato lo smartphone incassando i più sinceri ringraziamenti da parte del visitatore, colpito dall’efficienza e dalla onestà dei ragazzi.