Fusione Fca Fiat-Psa Peugeot, Pd: “Tutelare stabilimenti italiani come Termoli”

Più informazioni su

Marco Miccoli, responsabile Lavoro della Segreteria Nazionale Pd, ha partecipato a una videoconferenza organizzata dal Pd Molise sul tema della fusione tra la FCA-Fiat e la PSA-Peugeot. L’incontro online ha visto la partecipazione del segretario Pd Molise Vittorino Facciolla, i vice segretari regionali e diversi esponenti delle Federazioni locali del Partito.

“Con questa riunione abbiamo sancito un patto. Da oggi in poi il Pd Molise e il Pd nazionale con il Comparto Lavoro, agiranno all’unisono e saranno uniti nello sforzo di dare risposte ai lavoratori.
Inoltre ribadiamo l’impegno del Pd nazionale a venire in Molise, siamo pronti a dare un segnale forte, siamo pronti a sostenervi perché dobbiamo difendere la storia della Fiat di Termoli che non deve diventare un deserto industriale” ha assicurato Miccoli.

L’esponente dem si è detto pronto a “percorrere tutto il territorio per salvaguardare gli stabilimenti Fiat sul territorio nazionale, il Pd nazionale e quello locale saranno uniti nella tutela degli stabilimenti Fiat, compreso quello di Termoli, dove verremo personalmente per dare un segnale di forza e di presenza”.

Il segretario del Pd Molise, Vittorino Facciolla, ha sottolineato l’importanza della sinergia con il Partito nazionale: “Da questo patto e con questa nuova sinergia noi prenderemo spunto per immaginare un percorso di resistenza del territorio. Sentiamo l’esigenza di una filiazione stretta con il Partito nazionale. Per noi è stato importantissimo che il Ministro Provenzano sia venuto in Molise a gennaio e abbia visitato la Fiat di Termoli, è stato un grande momento di attenzione del Partito nazionale al nostro territorio. In questo momento non possiamo permettere che la competitività di questo territorio sia svilita e il Partito deve avere la sensibilità giusta nei confronti di temi che devono essere nella centralità dell’agenda dello stesso”.

Facciolla, inoltre, riprendendo le sollecitazioni di Miccoli, sottolinea come “transizione ecologica e ricerca siano le chiavi strategiche di sviluppo per FCA, ma anche di sostenibilità occupazionale per tutto l’indotto che ruota intorno al mondo FCA di Termoli”.

Ad illustrare al deputato Miccoli il contesto socio culturale dello stabilimento Fiat di Termoli è stato Antonio Pardo D’Alete che ha ripercorso i tratti più salienti della storia dell’insediamento in Molise. Un contributo più propriamente tecnico è stato portato da Enrico D’Amario, dipendente Fiat.

All’incontro hanno partecipato i dirigenti, i vicesegretari regionali ed i dirigenti delle tre diverse federazioni molisane.

Più informazioni su