Il grande classico del Ferragosto al mare, ma il pienone non c’è. Termoli ‘orfana’ dell’incendio del Castello battuta dalle mete interne fotogallery

Più informazioni su

Sembrerebbe un sabato come tanti, invece è Ferragosto. Ma il colpo d’occhio sul lungomare nord di Termoli non è quello che ci si aspetta nel giorno dell’Assunzione, quando la spiaggia è tradizionalmente ‘presa d’assalto’ da arrembanti bagnanti. Qualcuno ha parlato di rivincita dei piccoli borghi, e anche in casa molisana parrebbe che la partita sia stata vinta da montagna e campagna.

Ferragosto, la rivincita dell’arrosto a casa su quelle mete in cui la sicurezza è a rischio

Nell’anno della pandemia, invece, la località di mare più gettonata del Molise appare sottotono, insolitamente tranquilla. Forse è proprio questo l’optimum per chi non ama la confusione che generalmente il 15 d’agosto porta con sé, a maggior ragione in questa strana estate vissuta (più o meno consapevolmente) con la paura del contagio.

Lidi balneari e spiagge libere sono affollate, naturalmente. Trovare un parcheggio libero resta un’impresa ardua. Il Ferragosto al mare, in famiglia o tra amici, è un grande classico e di certo non è tramontato. Ma nulla, calendario e clima a parte, farebbe pensare al giorno di Ferragosto. Termolesi, molisani delle aree interne e turisti (molti, specie dal Centro e dal Nord, quest’anno hanno scelto l’inesistente Molise) ci sono in gran quantità, ma a regnare sovrana nella mattinata odierna è stata una inusitata rilassatezza. Ce lo conferma anche uno steward: “Non ci aspettavamo un Ferragosto così tranquillo. Qui alla spiaggia libera capita di dover dire ad alcuni bagnanti di posizionare in maniera più distanziata gli ombrelloni, ma nulla di più”.

Termoli, Ferragosto al mare

L’afa non dà tregua e alcuni degli operatori scelti per controllare che sulle spiagge tutto proceda con regolarità si sono ingegnati per combatterla. Ma oggi sembra che tutto vada per il verso giusto e anche loro si concedono qualche distrazione, chiacchierando con i turisti di turno.

Termoli, Ferragosto al mare

Assembramenti, no grazie. Forse qualcuno ha pensato proprio a questo scegliendo altri ‘lidi’ per trascorrere la giornata che simboleggia l’estate e, in un certo senso, la avvicina alla sua conclusione.

I lidi balneari propongono menù per il pranzo di Ferragosto, ma c’è chi ha pensato – come da tradizione – di fare da sé. Pasta al forno, focacce, salsicce, pampanella, mozzarella di bufala: sennò che Ferragosto è.

Ma la Termoli ferragostana di oggi sembra uno sbiadito ricordo di quella degli anni passati. Sarà che in tanti hanno preferito altri luoghi ed è probabile che l’assenza dell’amato incendio del Castello, con il suo spettacolo pirotecnico bello da togliere il fiato, abbia pesato eccome.

la-magia-del-ferragosto-negli-scatti-di-nicola-cappella-156980

Stasera Termoli non brillerà, nessuno sfavillio di fuochi e luci. Chissà che senza fragore non sarà diversamente bella. Aspettando il prossimo Ferragosto.

Più informazioni su