Colpo al mercato della droga in Basso Molise: in carcere 27enne termolese. Altri 8 giovani nei guai

La base a San Giacomo degli Schiavoni, ma la droga veniva smerciata anche a Termoli e Guglionesi. 1 arresto, 4 obblighi di dimora, 4 denunce e 20 segnalati come assuntori: questo il bilancio dell'operazione 'Tempio'. Intanto il comandante Ficuciello è ai saluti

Una operazione “importante, abbiamo inferto un duro colpo al mercato ‘di morte’ nella zona del Basso Molise”. Così il Comandante Fabio Ficuciello della Compagnia Carabinieri di Termoli che oggi, 19 agosto, ha reso noto i dettagli dell’operazione conclusasi alle prime luci dell’alba di ieri, ma che si pone lungo un continuum.

ficuciello e cantore carabinieri termoli

Un 27enne originario di Termoli è stato arrestato e portato in carcere al termine dell’operazione, denominata ‘Tempio’ e condotta dagli uomini della Compagnia termolese e coordinata dalla Procura di Larino. Il giovane, già noto alle Forze dell’Ordine, è ritenuto il ‘capo’, il soggetto cui facevano riferimento diversi altri (tutti tra i 27 e i 30 anni) e che aveva messo in piedi un’attività di spaccio di droga nella zona del Basso Molise, in particolare San Giacomo (il luogo clou dell’operazione) ma anche Termoli e Guglionesi.

Il gruppo, in concorso e formato da giovani (sotto i 30 anni) “abbiamo ragione di credere alimentasse il mercato di stupefacenti nella zona”. Gli affari erano hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Nutrita la rete di consumatori. “Alla Prefettura ne sono stati segnalati 20 come assuntori, ma riteniamo che la rete possa essere più vasta”. E l’operazione – sottolinea il Comandante Ficuciello – potrebbe avere sviluppi ulteriori. Insomma le indagini proseguono.

Intanto, oltre al 27enne portato in carcere, sono stati emessi 4 obblighi di dimora. “Tra questi ci sono anche due donne che nel gruppo erano dedite allo spaccio”. Una di queste è originaria di fuori regione e questo fa postulare che lo smercio potesse andare al di là dei confini regionali. In più 4 uomini sono stati denunciati in stato di libertà. Dunque in totale 9 le misure emesse, che si vanno a sommare alle 20 segnalazioni che riguardano i ‘clienti’ del giro.

carabinieri termoli ficuciello cantore

Il Comandante della Compagnia termolese ha lodato i suoi uomini (al suo fianco il luogotenente Filippo Cantore) per l’efficacia dell’operazione, che ha trovato il plauso della Procura. E ha rimarcato l’importanza della collaborazione dei cittadini e della prossimità tra loro e il Corpo militare. È così infatti che è nata l’operazione ‘Tempio’, grazie alla segnalazioni dei cittadini che avevano notato movimenti e soggetti sospetti. “L’indagine è stata condotta con i metodi classici ma prezioso è stato il contributo dei cittadini”, spiega ancora Ficuciello. Una operazione prolungata e che è andata avanti per mesi, anche in periodo di Covid. Il lockdown infatti non aveva fermato il mercato illegale.

San Giacomo, era lì il ‘tempio’ dello spaccio. Ma sono coinvolte, come detto, anche Termoli e Guglionesi, dove alcuni dei denunciati avevano dimora.

Questa operazione, così come altre collaterali volte a prevenire reati sul territorio, è stata intensificata in vista dei mesi estivi, quelli di maggior affluenza turistica e, presumibilmente, anche di mercato della droga.

Infine l’anticipazione del Comandante, che dopo 4 anni (a fine settembre) lascerà il Comando di Termoli per assumere l’incarico in un’area che ha il doppio della popolazione dell’intera provincia di Campobasso. “Ho lavorato benissimo qui a Termoli e abbiamo ottenuto risultati importanti”.