Anci Molise: “Ai Comuni servono 20 miliardi. Scuola e trasporti sono la vera emergenza”

Anci Molise chiede 20 dei quasi 200 miliardo di Recovery fund, piano straordinario europeo per far ripartire l’Italia. Questa è l’istanza inviata dal presidente Anci Molise, Pompilio Ciulli, al presidente Anci nazionale Antonio Decaro e per suo tramite al ministro dell’istruzione Lucia Azzolina nonché al presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.
Sono dieci i punti fondamentali contenuti nella richiesta, di cui efficientamento, rifiuti, edilizia, scuola, digitale, periferie, ambiente.
“Ora ci diano i mezzi per far ripartire l’Italia – ha detto Sciulli -. L’Italia non può ripartire senza i comuni bisogna evitare chiusura e localizzate per l’aumento dei contagi secondo gli ultimi dati. La scuola è il primo problema da affrontare. I comuni stanno lavorando sul distanziamento e sul trasporto scolastico. I fondi promessi sono arrivati ma la parte difficile viene adesso: servono idee su cui investire e dobbiamo puntare sulle città intelligenti, la svolta tecnologica che riguarda soprattutto i paesi interni che già oggi sono isolati dal mondo”.