Teatro Verde, l’estate è qui: pièce, musica, poesia e cabaret. E il calendario degli eventi finisce sull’app

Presentata ufficialmente la stagione del Teatro Verde, il luogo clou degli eventi per l'estate termolese 2020. Direzione artistica affidata anche quest'anno alla Frentania Teatri, che ha organizzato un cartellone variegato frutto anche della collaborazione con le associazioni del territorio. Non si escludono ulteriori serate. "La programmazione è ancora in divenire"

La stagione teatrale estiva di Termoli può cominciare. È stato presentato ufficialmente oggi, 30 luglio, il cartellone di eventi che si concentreranno nel mese di agosto al Teatro Verde, la struttura del parco comunale che, più di altre, consente il rispetto della normativa anti-Covid.

Un mini cartellone, che andrà dal 7 al 28 agosto, a cui potranno però aggiungersi altre date con ulteriori spettacoli. Affidata anche quest’anno alla Frentania Teatri la gestione dell’anfiteatro all’aperto. È stato il direttore artistico Giandomenico Sale, collegato virtualmente, a descrivere gli eventi agostani. “È un cartellone messo su in fretta e furia, ma è ancora in divenire e abbiamo in cantiere anche un mini cartellone per la prima metà di settembre”. A fargli eco l’assessore al Turismo e alla Cultura, Michele Barile: “Le difficoltà in questa estate anomala sono state tante ma possiamo dire di aver portato a casa il risultato”.

teatro verde stagione estiva

Teatro, musica, vernacolo e spettacolo: le 10 serate cercano di accontentare diversi gusti e differenti esigenze. Si parte il 7 agosto con le ‘Novelle per un anno’ di Pirandello, spettacolo che unisce la recitazione dell’attore Andrea Ortis alla magia della musica dal vivo. Un evento interamente organizzato dalla Casa del Libro. È questa infatti una delle novità dell’estate termolese 2020: la collaborazione delle associazioni che, stante l’impossibilità di organizzare i propri eventi in altri luoghi pubblici, troveranno spazio al Teatro Verde.

Novelle per un anno spettacolo

Si prosegue il 9 agosto con la poesia in vernacolo del ‘Ma sseré ce parle termolèse’, serata omaggio alla termolesità con Pina Cupone, Roberto Cappella, Lucia Marinaro, Carmela Mugnano e Saverio Metere. Unico evento in calendario ad ingresso gratuito. Spazio poi al cabaret il 10 agosto con uno spettacolo che arride alle famiglie. Il 12 agosto si torna al teatro con lo spettacolo ‘Cronaca di famiglia’ , per la regia di Ugo Ciarfeo. Il 14 agosto il Teatro ospiterà la finale regionale del concorso Venere d’Italia cui seguirà il concerto tributo a Ennio Morricone dell’orchestra di fiati ‘Apulia’. Il post Ferragosto si aprirà con la musica neomelodica di Nino Esposito (il 16 agosto) e, la sera successiva, ancora musica ma di tutt’altro genere con Chorando Brazil, con Vittorio Sabelli al clarinetto e Marco Molino alla Marimba e Pandeiro.

Il 18 agosto spazio al ‘Vincenzo Cuoco, l’uomo del futuro’ del regista molisano Simone D’Angelo che, reduce dal successo cinematografico, proporrà con Andrea Ortis e Franco Valente una pièce a metà tra cinema e teatro. La sera del 19 agosto sarà dedicata al Cantico dei Cantici, diretto dal maestro Ugo Ciarfeo e con Antonietta Finocchi. Infine, il 28 agosto la chiusura è affidata alla nota attrice romana Nathalie Caldonazzo con lo spettacolo ‘Passo a due’. 

Ma non si può parlare di vera e propria chiusura perché in cantiere, come ha anticipato Giandomenico Sale, ci sono altre iniziative. Niente di confermato, ma sul piatto ci sono un paio di concerti e la serata del Kimera Iff (la kermesse cinematografica internazionale che vivrà la sua 18esima edizione). E non è tutto perché sono possibili altri appuntamenti a settembre, nelle prime due decadi.

Il budget complessivo? Decisamente ridotto. “Le compagnie ci sono venute incontro, prenderanno cachet a percentuale in base alle presenze”, ha spiegato Sale.

Confermato anche il drive-in, che si terrà in Piazza del Papa presumibilmente nella seconda metà di agosto e la prima di settembre.

Come già anticipato da Primonumero.it, sarà la rivincita del Teatro Verde, location privilegiata perché garantisce il necessario distanziamento e la separazione tra ingresso e uscita. Ci sarà la Protezione civile a garantire l’ordine pubblico e a indirizzare gli spettatori. Garantita una capienza di circa 500 persone, ovvero un terzo circa di quella canonica del teatro. Un posto a sedere e due liberi, questa la regola, tranne che nel caso di congiunti che avranno la possibilità di sedere l’uno affianco all’altro.

Nell’estate sui generis si è strizzato l’occhio anche alla tutela dell’ambiente. Bando a brochure di carta o plastificate, la programmazione degli eventi si guarderà su tablet e smartphone. Il Comune offrirà ad autoctoni e turisti una web app da cui poter visionare gli eventi sera per sera. A presentarla Daniele Bucci, componente dell’ufficio di staff del Comune, che ha personalmente sviluppato la versione mobile di estatetermolese.com. “È uno strumento dinamico, moderno e facile da sfruttare”. Sarà possibile visionare l’app con dispositivi mobili tramite un Qr code che verrà distribuito e affisso in diverse zone della città, attività commerciali, stabilimenti balneari, bar e ristoranti. Le potenzialità della web app saranno giocoforza sottostimate nell’estate in corso, ma in futuro potranno essere sfruttate appieno. “Uno strumento che rimarrà al Comune, anche alle future Amministrazioni”.