Stop ai 2 progetti su ospedali covid, Iorio riapre il fuoco: “Tutta colpa di Toma”

Poche ore dopo la notizia del terzo progetto che il Molise è stato costretto a inviare al Ministero della Salute relativo alle cure dei pazienti covid, l’ex governatore (nonché ex commissario alla sanità) Michele Iorio alza il volume della ‘radio’: la notizia del resto sta facendo parlare da questa mattina (13 luglio), all’inizio di una settimana considerata decisiva sul fronte della sanità. Del resto si attendeva una risposta da Roma sui due piani inviati dalla nostra regione: uno scritto dal commissario Angelo Giustini sul Vietri di Larino, l’altro voluto dall’Azienda sanitaria e dal presidente Donato Toma sul Cardarelli di Campobasso. E alla fine non sarà nè l’uno nè l’altro: piuttosto è stata proposta una rete ospedaliera covid che coinvolge i tre nosocomi regionali.

Il centro covid non si farà: inviato il terzo progetto al Ministero. Negli ospedali più posti letto di Terapia Intensiva

 

E’ in questo contesto che l’ex presidente Iorio prende le distanze dall’attuale governatore Toma, con cui sembrava aver sancito una tregua nel giorno del voto sulla sfiducia in Consiglio regionale.

“Il primo dato che si coglie è il trionfo dei dirigenti e l’assenza della politica. Il principale responsabile di questa situazione ha il nome di Donato Toma che, con quel suo atteggiamento di presuntuosa testardaggine è andato, come sempre, contro la decisione doppia del Consiglio regionale e contro la richiesta di 120 sindaci. Il risultato ottenuto è stata la ridicolizzazione del Molise a Roma e l’obiettivo prefissato che portasse il ministero a decidere di non decidere”, il primo siluro di Michele Iorio.

iorio-toma-158821

Per Iorio non è esente da responsabilità nemmeno il Ministero a cui attribuisce “un comportamento anticostituzionale”. 

In che senso? “Tutti – sottolinea Iorio – dimenticano che lo Statuto regionale è legge di valenza costituzionale e prevede che la programmazione spetta al Consiglio.

Quanto stabilito dal decreto, e cioè che il ministero valuta progetti approvati con atto regionale, tiene presente la valenza costituzionale del dettato che la programmazione di una regione spetta al Consiglio regionale. Un dettato costituzionale che viene completamente stravolto e disatteso da Toma e dallo stesso ministero che, nel prevedere un terzo piano Covid per la Regione Molise forse non considera il fatto che questo dovrà essere sottoposto all’attenzione del Consiglio. Altrimenti sarà impugnabile”.

Quindi la netta bocciatura da parte dell’ex capo della Giunta regionale: “In ogni caso il terzo piano, se corrisponde a quanto si apprende dalle testate giornalistiche, rappresenta la soluzione peggiore per il Molise perché coinvolgendo come centro Covid tutti gli ospedali pubblici del Molise decreta un regresso di tutta l’offerta sanitaria pubblica molisana.

Insomma, con un sol colpo, abbiamo ottenuto uno schiaffo in faccia come molisani, una figuraccia per il Molise e un atteggiamento anticostituzionale da parte di un ministero che decide al posto di chi ha il diritto costituzionale di farlo.

Il tutto condito dalla perdita di un’occasione per la nostra regione ad avere un centro interregionale, nonostante Roma avesse già dato la disponibilità a tale scopo.

Le conseguenze per il futuro saranno la distanza tra pazienti e ospedali pubblici, l’aumento della mobilità passiva con conseguente aggravio dei costi per i molisani e l’esistenza di centri misti (Covid e non Covid) ritenuti disastrosi fino a qualche minuto fa per tutte le altre regioni tranne che per il Molise”.