Quantcast

Sfonda la porta col martello e minaccia di morte una coppia di Montenero: pregiudicato in carcere

Il 47enne ha evaso i domiciliari a Vasto per raggiungere il paese molisano dove ha danneggiato anche un'auto. Era stato arrestato solo tre mesi fa nell'operazione 'Repulisti' con le accuse di usura aggravata, sequestro di persona, tentata estorsione, e lesioni gravi

Ha violato i domiciliari per andare a minacciare di morte con un martello in mano una coppia a Montenero di Bisaccia. È stato nuovamente arrestato P.D., 47 anni, uno dei 18 indagati nell’inchiesta ‘Repulisti’ che nello scorso aprile aveva portato a sei misure cautelari in un’operazione della Polizia di Vasto per i reati di usuraestorsione aggravata ed anche sequestro di persona nei territori di Vasto, San Salvo e Gissi, in provincia di Chieti.

Il 47enne arrestato nelle scorse ore ha alle spalle una sfilza di precedenti penali per spaccio di stupefacenti, furto e truffa. Adesso l’uomo è nuovamente rinchiuso in carcere, dove era finito anche lo scorso 30 aprile in seguito al blitz per ‘Repulisti’ con le accuse di usura aggravata, sequestro di persona, tentata estorsione, e lesioni gravi, ma era uscito dopo poco, ottenendo i domiciliari.

Ma anche così ha continuato a delinquere. Nei giorni scorsi, secondo la ricostruzione della Polizia di Vasto, l’uomo è andato a Montenero di Bisaccia e dopo aver sfondato la porta d’ingresso di un condominio con un martello e danneggiato una porta blindata, un’auto e una serranda, ha minacciato di morte una coppia del posto.

Per questo il Gip del tribunale vastese ha deciso per lui l’aggravamento della misura cautelare e i poliziotti del Commissariato di Vasto lo hanno arrestato e condotto nel penitenziario di Velletri, dove attualmente è detenuto.