‘Montenero che rinasce’, alleanza civico-politica per il Comune: 5 formazioni insieme e porte aperte al Meetup grillino

Ecco 'Montenero che rinasce' con tanto di programma: obiettivo scalzare l'attuale guida "Travaglini-Contucci-Porfido e tornare alla crescita demografica ed economica"

Cinque forze per un’alleanza, con l’obiettivo dichiarato delle prossime elezioni comunali previste in autunno. Nella serata di ieri a Montenero di Bisaccia le formazioni civiche Cambiamo Montenero (Nicolino Di Bello), Montenero Bene Comune (Gianluca Monturano), Costruiamo il Futuro (Nicola Palombo), Comitato Stranieri residenti (Ivona Hodalova) e il Partito Democratico (Francesco Borgia), hanno firmato e sottoscritto il contratto di programma per la rinascita di Montenero, dando di fatto vita alla coalizione Montenero che Rinasce.

Si tratta di un passaggio fondamentale perché segna la creazione di un polo che andrà verosimilmente a competere per la carica di sindaco del paese. (qui sotto di seguito Borgia, Monturano, Di Bello, Palombo e Hodalova).

“Dopo mesi di duro lavoro nell’analizzare la situazione socio-economica di Montenero e del territorio in cui esso è inserito, sia nel contesto ante Covid-19, sia in quello post; dopo numerosi incontri e assemblee, sia dal vivo, sia in conference call; dopo mesi di confronto, i gruppi hanno ritenuto opportuno mettere insieme un progetto che viva in una forza di unità comunale, che metta insieme le migliori esperienze civiche e politiche alternative all’amministrazione Travaglini-Contucci-Porfido e alla lista che ne sarà espressione, che superi gli steccati tradizionali per rimettere Montenero sui binari della crescita demografica ed economica” dichiarano i firmatari.

francesco borgia montenero che rinasce

Dopo una prima intesa politica, verificate le rispettive sintesi programmatiche, le cinque forze civiche e politiche (CambiAmo Montenero, Comitato stranieri residenti a Montenero, Costruiamo il Futuro, Montenero Bene Comune e Partito Democratico) fanno sapere di aver “intrapreso un percorso incentrato sul confronto programmatico, sfociato nel Contratto di programma per la rinascita di Montenero”.

I contraenti dichiarano di aver “affidato a una commissione il lavoro di sintetizzare e armonizzare i contributi dei cittadini e le idee delle forze civiche e politiche, raccolti in mesi di incontri, i quali dovranno approdare nel programma definitivo di governo della città. Programma, aperto fino all’ultimo all’unione di chiunque voglia confrontarsi con le idee messe in campo, le quali implementate delle premesse politiche, rappresentano il metodo che si intende utilizzare per comporre la lista unitaria e la scelta del miglior candidato Sindaco che si possa esprimere, nel segno della discontinuità e del rinnovamento delle classi dirigenti”.

Secondo Montenero che rinasce “il percorso non è di certo concluso, ma siamo fiduciosi che una pagina nuova possa essere scritta per ridare dignità e speranza al nostro territorio e alla nostra comunità. Per queste ragioni è prioritario per noi, così come lo è stato il percorso che ci ha condotti fin qui, continuare sulla strada del dialogo con tutti i gruppi e le persone di buona volontà che intendano come noi porre fine al disastro politico e amministrativo dell’ultimo decennio, in primis il Meetup Montenero in Movimento.

Siamo convinti che si possa rimettere al centro dell’agenda il bene comune e l’interesse generale, la ricostituzione del tessuto sociale nel segno della vicinanza concreta a chi rischia di soccombere sotto il peso della crisi economica e sociale, ma che per farlo ci sia bisogno di unità d’intenti e coraggio”.

 

Leggi il Contratto di programma di Montenero che Rinasce