‘Molisano’: la Regione va sui social per sedurre i turisti. Toma lancia i punti di forza: “Covid free e prezzi competitivi”

Arriva la campagna innovativa della Regione Molise che punta su facebook e instagram per attrarre persone da ogni angolo d’Italia. Il governatore: “Eccellenze che si declinano attraverso mare, collina, montagna, paesaggi, borghi, ambiente incontaminato, acqua pura, beni architettonici e culturali, artigianato, prodotti enogastronomici. Non abbiamo bisogno di enfatizzare”. L’assessore alla Cultura, Vincenzo Cotugno: “Oggi tutte le iniziative partono anche grazie ad una sinergia e simbiosi che abbiamo creato con il territorio”.

Una campagna social per ‘vendere’ al meglio il marchio Molise. È la strategia comunicativa adottata dalla Regione, che punterà forte su facebook e instagram per promuovere territorio, eccellenze, prodotti di qualità. “Molise, bello e possibile. La vacanza perfetta esiste. Per chi cerca paesaggi e sapori autentici, in piena sicurezza e con prezzi accessibili. Quest’estate Molise!”: ‘testo e musiche’ utilizzati per la campagna di promozione.

Il progetto, chiamato ‘Molisano’, nasce da un gruppo di studio coordinato da Tiberio Brunetti, fondatore di Spin Factor e consigliere del presidente Toma per la comunicazione istituzionale, composto da creativi, copywriter e analisti del web, che hanno ideato una campagna di impatto che mira ad attrarre turisti da ogni parte d’Italia.

Nel dettaglio, si è partiti da un’analisi di web e social listening condotta a maggio e giugno sulle aspettative turistiche degli italiani e sulla percezione in rete del Molise. Dai dati è emerso che le parole chiave cui è associata la nostra regione sono tutte legate a bellezza e ambiente. Per questo, compenetrando anche l’esigenza di andare in vacanza in luoghi ‘sicuri’, si è scelta la parola ‘Molisano’, che in sé racchiude il riferimento chiaro alla regione, ma anche al fatto che chi viene da noi raggiunge un posto sano e sicuro sotto tutti i punti di vista.

La campagna social sarà geolocalizzata e targettizzata principalmente sui residenti nelle regioni italiane che – stando a quanto viene fuori dall’indagine – maggiormente cercano in rete informazioni sulle vacanze in Molise. Dunque, una campagna fortemente innovativa che nasce dall’ascolto del web e, soprattutto, dei social network.

“Abbiamo puntato – spiega il presidente Toma – su una campagna social che fa leva su due punti di forza che riteniamo essere particolarmente convincenti. Il primo riguarda la situazione Covid free, che contiamo di raggiungere a breve se verrà confermato il trend registratosi nelle ultime settimane. Il secondo fa riferimento alla possibilità di fare turismo a prezzi competitivi”.

“Per il resto – continua – proponiamo sulle pagine Facebook e Instagram quello che ci hanno regalato la natura e la storia di questo meraviglioso territorio.  Eccellenze che si declinano attraverso mare, collina, montagna, paesaggi, borghi, ambiente incontaminato, acqua pura, beni architettonici e culturali, artigianato, prodotti enogastronomici. Non abbiamo bisogno di enfatizzare, il Molise parla da solo con le sue bellezze”.

“Partiamo con una campagna d’informazione che punti ad esaltare le nostre peculiarità e che spinga i turisti a scegliere il Molise come regione green, sicura e capace di emozionare per la sua genuinità”, afferma l’assessore al Turismo e Marketing territoriale, Vincenzo Cotugno.

“Il lavoro svolto in questi due anni – aggiunge – è sotto gli occhi di tutti, mai il Molise aveva avuto tanto risalto a livello nazionale ed internazionale. Risultati conseguiti grazie ad un grande lavoro di squadra, dove alle parole e agli annunci abbiamo preferito i fatti e le azioni concrete, che forse qualcuno ancora oggi non ha inteso. Il deserto del Molise a livello turistico era sotto gli occhi di tutti, oggi tutte le iniziative partono anche grazie ad una sinergia e simbiosi che abbiamo creato con il territorio. Penso a San Giovanni in Galdo e Filignano, per esempio, con iniziative che sono state possibili grazie alla grande azione di marketing territoriale compiuta in questi due anni”.