Minaccia il vicino di casa con una balestra, la polizia sequestra l’arma e lo denuncia

La lite, scoppiata per motivi di viabilità, è subito degenerata e il 30enne entrato in casa è uscito con l'arma tra le armi puntandola alla testa dell'altro, un 50enne del posto. L'arrivo della polizia ha impedito il peggio

Fine settimana fitto di interventi per gli agenti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico.  Gli uomini della polizia sono intervenuti in un quartiere di Campobasso dopo alcune telefonate giunte al 113 che segnalavano una violenta lite in corso tra vicini.

I poliziotti hanno raccolto sul posto le testimonianze di alcuni residenti che hanno riferito di aver assistito ad una accesa lite per motivi di viabilità tra due loro vicini, un uomo di 30 e uno di 50 anni, che è poi degenerata in minacce e insulti reciproci, fino a quando, il trentenne,  in un impeto d’ira, è  entrato repentinamente in casa per afferrare una balestra, dotata di puntatore laser e dardo con punta in metallo, con cui ha minacciato di colpire alla testa il vicino.

Dopo aver identificato i due litiganti, gli agenti hanno eseguito anche una  perquisizione domiciliare nell’abitazione del 30enne, trovando la balestra e il dardo in metallo utilizzati poco prima per minacciare il vicino,  in un ripostiglio. Il materiale è stato ovviamente sequestrato.

L’uomo, di Campobasso e con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, è stato denunciato all’Autorità giudiziaria per il reato di minacce aggravate e porto di arma impropria.