Arriva un aiuto per il depuratore del porto, dopo un anno e mezzo ecco la corrente per le pompe del parco

Giovedì 16 luglio mancherà la corrente per 7 ore in alcune zone di Termoli per consentire l'allaccio alla rete elettrica della stazione di sollevamento

Dopo un anno e mezzo di attesa finalmente ci siamo. Giovedì prossimo 16 luglio verrà effettuato l’allaccio alla rete elettrica della nuova stazione di sollevamento delle fogne realizzata nell’inverno 2019 al parco di Termoli. Un impianto estremamente importante, che servirà per smistare all’impianto di depurazione di Pantano Basso parte dei reflui del centro cittadino, sgravando così il depuratore del porto che è allo stremo.

Il Comune di Termoli ha fatto sapere che nella giornata di giovedì prossimo, 16 luglio, dalle 8,30 alle 15,30, sarà interrotta l’energia elettrica nelle zone di viale Trieste, via Corsica, via Cavalieri di Vittorio Veneto e via Abruzzi. Una fetta importante della città rimarrà quindi senza corrente elettrica per sette ore, il che comporterà chiaramente dei disagi per abitazioni private, uffici e attività commerciali.

Ma si tratta di una interruzione necessaria per un lavoro che l’intera città attende da diverso tempo. A frenare l’ultimazione dei lavori c’era infatti l’allaccio alla rete elettrica, necessaria per far sì che i reflui arrivati da parte del centro cittadino possano essere inviati a Pantano Basso, quindi a sud della città, per la depurazione.

Il depuratore del porto ha due nuovi alleati: il modulo del Sinarca funziona, lavori partiti per le pompe al parco

Dei lavori si occuperà E-Distribuzione. La prossima attivazione rappresenta quindi la conclusione del secondo step per la dismissione del depuratore portuale” fa sapere il Comune con una nota ufficiale.

Motopontone condotta porto depuratore giugno 2020

Si tratta infatti di un passaggio decisivo nel progetto che dovrà portare Termoli a eliminare uno dei suoi principali problemi, quello di un depuratore del porto che da anni rappresenta una spina nel fianco per l’ambiente e il turismo, a causa di perdita sottomarine e un odore nauseante dovuto alla vetustà di un impianto che funziona con molta difficoltà.

Pompe al parco e Sinarca, due aiuti per il vecchio depuratore: chiesti 7,5 mln per chiuderlo