Incidente in monopattino elettrico, ferito un 47enne nella zona industriale. Accertamenti della Polizia

Il sinistro all'altezza della zona industriale, per fortuna le condizioni dell’uomo non sono gravi ma polizia stradale che è intervenuta per i rilievi annuncia tolleranza zero se non si adottano accorgimenti e non si rispettano le regole

Incidente in monopattino all’altezza della zona industriale di Campobasso.

Un 47enne dalla guida del mezzo è rimasto coinvolto in un sinistro e trasportato in ospedale dai sanitari del 118. Le sue condizioni non sono gravi, ha riportato alcune ferite guaribili in pochi giorni. Ma l’utilizzo del monopattino elettrico rappresenta un potenziale pericolo se non si adottano accorgimenti necessari per la sicurezza.

L’incidente è accaduto in prossimità della rotatoria e sul posto è intervenuta la polizia stradale di Campobasso che al riguardo ha avviato immediatamente le indagini.

Sull’uso dei mezzi elettrici per la mobilità individuale e sui corretti comportamenti da adottare, la polizia stradale ricorda che il monopattino è un veicolo a tutti gli effetti di legge e richiede, pertanto, una guida responsabile per evitare conseguenze anche molto gravi per se stessi e per gli altri.

A tal proposito la Polizia Stradale rende note le principali norme di comportamento per la circolazione su strada a bordo di monopattini elettrici e le previste sanzioni: si può guidare solo se si sono compiuti 14 anni; non si può superare la velocità di 25 km/h sulla carreggiata delle strade e di 6 km/h nelle aree pedonali;  è obbligatorio condurre a mano il monopattino quando si può essere di intralcio o creare pericolo per i pedoni (come ad esempio sulle strisce pedonali). In tali casi i conducenti sono assimilati ai pedoni e devono rispettare le regole imposte a questi ultimi; sulla carreggiata è obbligatorio tenersi il più vicino possibile al margine destro in modo da non intralciare il transito degli altri veicoli; in ambito urbano si devono utilizzare le piste ciclabili se presenti; il cellulare o altri dispositivi elettronici si possono utilizzare solo attraverso auricolare ed a condizione di mantenere libero l’uso delle mani; non si può circolare sui marciapiedi, salvo che il monopattino non sia condotto o trasportato a mano; se mancano i dispositivi di segnalazione visiva, nelle ore di buio o in presenza di condizioni atmosferiche che richiedano illuminazione artificiale, il monopattino deve essere condotto o trasportato a mano; i conducenti minorenni hanno l’obbligo di indossare un idoneo casco protettivo.

Dunque la violazione delle regole consente alle forze dell’ordine di elevare sanzioni anche pesanti. Circolare con un monopattino a motore con caratteristiche tecniche diverse da quelle previste comporta l’applicazione di una sanzione pecuniaria da 100 a 400 euro. Se il monopattino ha motore termico oppure elettrico ma con oltre 2 kW di potenza nominale continua, si applica anche la confisca del veicolo. Alla stessa sanzione pecuniaria sono soggette le violazioni di alcune specifiche norme di comportamento (ad esempio minore di 14 anni, circolazione fuori dagli ambiti territoriali previsti); la violazione delle altre disposizioni sulla circolazione, comuni anche alle biciclette, comporta l’applicazione di una sanzione pecuniaria che va da euro 50 a 200 euro.