Favorisce la costruzione abusiva dei familiari del sindaco, denunciato il dirigente tecnico di un Comune

L'uomo ha permesso la costruzione di due muretti e la pavimentazione di una strada in territorio demaniale che ricade sul “tratturo” sottoposto a vincolo culturale e paesaggistico. La Regione Molise aveva ordinato la rimozione dei manufatti irregolari. L'indagine dei carabinieri del Noe

A circa un quarto d’ora da Campobasso, a poco più di dieci chilometri di tragitto dal capoluogo, dove passa il tratturo Pescasseroli-Candela, i carabinieri del Noe hanno concluso un’attività investigativa che ha messo sotto inchiesta il responsabile dell’Ufficio tecnico del piccolo centro di provincia.

Il dipendente pubblico è stato raggiunto da un avviso di concluse indagini preliminari emesso dalla procura. Un piccolo comune, mille abitanti sì e no, e qualche condotta fuori luogo questa volta è stata messa in luce da militari dell’Arma.

I fatti risalgono a  marzo 2019, quando alcuni congiunti del sindaco di questo paese, realizzarono alcune opere abusive: cioè due muretti e la pavimentazione di una strada adiacente la loro proprietà ma in territorio demaniale appartenente a un “tratturo” sottoposto a vincolo culturale e paesaggistico. Per questo la Regione Molise aveva ordinato la rimozione dei manufatti irregolari.

Ciò nonostante, il responsabile dell’Ufficio tecnico di questo paese, incurante della violazione alla normativa in materia di edilizia, non ha adottato alcun provvedimento di  competenza, permettendo quindi un vantaggio patrimoniale a favore dei congiunti del sindaco. L’uomo è stato formalmente indagato.