Quantcast

Croce di lapide cimiteriale trovata sulla statale 16: indagini in corso, si cercano i responsabili

Il ritrovamento operato dalla Polizia Municipale di Montenero ha fatto scattare le verifiche. Probabile che la croce sia stata gettata in mezzo alla vegetazione come tanti altri rifiuti invece di smaltirla regolarmente

Ha dell’incredibile il ritrovamento di qualche giorno fa nei pressi di una piazzola di sosta lungo la statale 16 da parte della Polizia Locale di Montenero di Bisaccia. Una croce di lapide cimiteriale abbandonata fra la vegetazione e in mezzo ad altri rifiuti. Un ritrovamento che ha fatto immediatamente scattare delle indagini da parte della stessa Municipale di Montenero.

“Lungo la strada si può trovare di tutto, ma nessuno si aspettava di recuperare anche una croce di una lapide cimiteriale” ha scritto su Facebook qualche giorno fa l’assessora all’Ambiente del Comune bassomolisano Simona Contucci. Il suo post ha fatto scalpore. Oltre a ricevere molti commenti indignati, il post è stato ripreso dall’Ansa e persino da Sky Tg24, ottenendo una vasta eco.
“È accaduto questa mattina, lungo il margine della carreggiata della Strada Statale 16 direzione Nord al km 527 e II, dove sono stati scaricati abusivamente rifiuti di ogni genere.
A fare lo sconcertante ed incredulo ritrovamento sono stati gli Agenti della Polizia Locale del Comune di Montenero di Bisaccia durante i consueti servizi di monitoraggio ambientale.
Subito dopo, sono scattate immediatamente le indagini per scoprire chi abbia mai potuto abbandonare quel materiale lungo una strada così trafficata. Mi vengono i brividi al pensiero che si possa diventare talmente cinici da non permettere neanche ai defunti di riposare in pace”.

Il messaggio è stato seguito dai primi accertamenti da parte della Polizia Locale, che hanno escluso qualsiasi responsabilità dei familiari della persona deceduta. L’identità è stata infatti subito chiarita, si tratta di una signora di Montenero morta in tempi non proprio recenti.

Gli agenti della Municipale stanno quindi cercando di far luce su un episodio che non solo è raccapricciante per la mancanza di civiltà e di rispetto verso i defunti, ma fa emergere anche dei profili penali. Possibile che chi aveva il compito di smaltirla a norma di legge l’abbia invece abbandonata all’aria aperta, con disprezzo di qualsiasi regola del vivere civile.

L’abbandono tuttavia potrebbe essere recente, dato che il Comune fa periodicamente ripulire le piazzole di sosta sulla SS16, notoriamente ricettacolo di rifiuti di ogni genere. Quello del getto indiscriminato di rifiuti in posti impensabili è un problema sempre più evidente d’estate, quando i paesi del Basso Molise sono più popolati del solito, per l’effetto del rientro degli emigranti e dell’arrivo di qualche turista. Di recente gli addetti alla raccolta dei rifiuti hanno trovato nei bidoni dell’immondizia del cimitero persino dei gusci di cozze. Un gesto che magari non è così grave come l’episodio della croce, ma che resta censurabile allo stesso modo.