Quantcast

Censimento Fai, finora il luogo più votato in Molise è Campitello di Sepino foto

C’è anche un luogo del cuore molisano che sta avendo un buon risultato nel censimento Fai, tuttora in corso.

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano sta scrivendo un nuovo capitolo grazie alla decima edizione del censimento “I Luoghi del Cuore” promosso in collaborazione con Intesa Sanpaolo e attraverso il quale fino al 15 dicembre 2020 sarà possibile votare i propri luoghi italiani più amati e in questo modo permettere loro di essere conosciuti, tutelati e valorizzati come meritano.

Lanciato il 6 maggio, dopo due mesi di isolamento forzato e in un momento molto delicato per l’Italia, il censimento ha riscosso fin dai primi giorni un enorme successo: a una settimana dal via erano arrivati al FAI più di 100.000 voti e oggi, dopo due mesi e mezzo, sono oltre 650.000 – più del doppio rispetto a quelli registrati a luglio della precedente edizione – la maggior parte dei quali effettuati tramite il sito del progetto www.iluoghidelcuore.it.

Un’edizione da record, dunque, in cui stanno giungendo segnalazioni per tantissimi “luoghi del cuore” – per ora se ne contano oltre 30.000, dei quali circa 100 hanno superato la ragguardevole soglia di 1.000 voti raccolti – e delle tipologie più varie: dai castelli alle ferrovie storiche, dalle aree naturali e archeologiche ai borghi, dai complessi religiosi alle ville, dalle piazze ai giardini, dai teatri agli osservatori astronomici fino ad arrivare a un trampolino olimpionico in disuso a Cortina d’Ampezzo. Tra questi c’è anche lo splendido Altopiano di Campitello di Sepino, il primo sito molisano nella storia de “I Luoghi del Cuore” ad aver superato i 1.000 voti nel mese di luglio.

A oggi il luogo al primo posto della classifica provvisoria in Molise è l’Altopiano di Campitello di Sepino, incastonato a oltre 1.200 metri sul massiccio del Matese, zona montuosa di carattere calcareo tra Molise e Campania. È un’area ricca di faggete e fioriture stagionali, alcune protette come le orchidee selvatiche, e abitata tra gli altri da lupi, volpi, donnole, aquile reali e piccole salamandre. L’altopiano presenta fenomeni di carsismo, reso evidente da numerose doline, ed è ricco di acqua e di sorgenti. È da secoli un punto di passaggio tra le aree interne del Sannio e la costa tirrenica e adriatica, nonché uno storico percorso della transumanza del bestiame, dal 2019 Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità Unesco. Il comitato “Campitello Luogo del Cuore” partecipa al censimento per sensibilizzare cittadini e istituzioni sulla necessità di una fruizione rispettosa di questo territorio, splendido ma fragile, il cui ecosistema è minacciato dal turismo di massa, che negli ultimi anni ha comportato incuria, abbandono di rifiuti e degrado di alcune aree del sottobosco, percorso con mezzi impropri. Il luogo rientra nella classifica speciale “Italia sopra i 600 metri”.

altopiano campitello di sepino fai

La classifica nazionale provvisoria – consultabile sul sito www.iluoghidelcuore.it – è guidata dal Castello di Sammezzano a Reggello (FI), capolavoro di arte eclettica in stile orientalista, già vincitore nel 2016 dell’ottava edizione de “I Luoghi del Cuore”, ma che si trova ancora in uno stato di stallo a causa della sua complicata situazione proprietaria e che per tale motivo viene nuovamente votato. Segue il Ponte dell’acquedotto a Gravina in Puglia (BA), un manufatto eccezionale, con la sua struttura ad archi lunga 90 metri e alta 37, che collega le due sponde del torrente che dà il nome al paese. Terza, dopo aver dominato la classifica per tutto il primo mese, la città di Bergamo, simbolo dell’epidemia di coronavirus e del valore di coesione sociale e civile sempre sotteso al censimento.

Come sempre, al termine del censimento verranno premiati i luoghi più votati, a fronte della presentazione di un progetto concreto: 50.000, 40.000 e 30.000 euro saranno assegnati al primo, secondo e terzo classificato; i luoghi vincitori delle due classifiche speciali riceveranno invece 20.000 euro ognuno mentre al bene più votato via web sarà destinato un video, storytelling o promozionale, curato dal FAI. Dopo la pubblicazione dei risultati finali, verrà anche lanciato il consueto Bando per la selezione degli interventi in base al quale tutti i proprietari (pubblici o non profit) e i portatori di interesse dei luoghi con almeno 2.000 voti potranno presentare alla Fondazione una richiesta di restauro, valorizzazione o istruttoria, di cui verrà successivamente valutata l’idoneità a ricevere i fondi resi disponibili da Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto.

Per votare i propri “luoghi del cuore” c’è tempo fino al 15 dicembre 2020: un’opportunità unica per i singoli cittadini e le comunità di dare visibilità alle necessità dei propri territori in termini di tutela e valorizzazione e far nascere collaborazioni virtuose tra istituzioni e stakeholder locali. La classifica definitiva verrà resa nota a febbraio 2021.