Campobasso dichiara guerra alle sigarette: “Raccogli-cicche e guardie ambientali prima delle sanzioni”

L’assessore all’ambiente, Simone Cretella, presenta uno dei suoi cavalli di battaglia: “E’ indecente che si buttino ancora a terra i mozziconi”. E’ partito il progetto ‘Ambiente pulito’ che sarà focalizzato soprattutto sul tema dei rifiuti: “Il territorio sarà monitorato per cercare eventuali discariche abusive, abbandoni illeciti, indiscriminati in alcune zone particolari. E sarà fondamentale il supporto delle guardie”.

Battendo sul tempo anche ‘Striscia la notizia’, il Comune di Campobasso mette al bando le cicche delle sigarette che vengono ancora gettate a terra da molti fumatori indisciplinati. Si chiama ‘Ambiente pulito’ ed è stato presentato questa mattina, 10 luglio, dall’assessore Simone Cretella: “Un messaggio rapido, semplice e diretto – spiega l’esponente di maggioranza – che consta in una collaborazione con l’associazione Guardie ambientali, con la quale dal 1 luglio abbiamo avviato questa iniziativa che per ora durerà fino a dicembre 2020 con l’auspicio di proseguire”.

Progetto Ambiente pulito

 

Il riferimento al tg satirico di Canale 5 è presto spiegato: nel mese di gennaio l’inviata ‘Erica senza k’ strappò la promessa al sindaco Gravina che avrebbe aderito alla campagna ‘No mozziconi a terra’ dandosi appuntamento a tre mesi dopo. Il covid non ha permesso il ritorno delle telecamere di Striscia ma il Comune ha agito ugualmente, con un’iniziativa che sarà possibile anche e soprattutto grazie alla presenza di Guardie ambientali. “Quando venne Striscia i cartelloni del nostro progetto erano già pronti” rivela l’assessore.

Progetto Ambiente pulito

Siamo partiti con la campagna contro l’abbandono delle cicche – prosegue Cretella – pessima abitudine dei fumatori, ciò comporta danni sia in termini di decoro urbano che ambientale visto che le cicche si distruggono dopo centinaia di anni”.

 

C’è da dire che in città sono presenti dei raccoglitori di cicche. Ma “per venire incontro ai cittadini fumatori le guardie ambientali distribuiranno anche i raccogli-sigarette. Si tratta di piccoli raccoglitori di colore rosso in cui poter mettere la propria sigaretta e che poi si possono svuotare nei cestini”.

Raccogli-cicche

Questa sarà una prima fase che possiamo definire collaborativa. Poi partirà quella sanzionatoria: “La legge prevede per chi getta una cicca a terra una sanzione di 300 euro, molto pesante. Prima di arrivare alle multe, l’obiettivo è far capire a tutti di dover comportarsi in modo civile. Ci saranno altre campagne, ad esempio sulle deiezioni canine, le guardie verificheranno che il padrone abbia i sacchetti. Poi quella sull’abbandono sempre più frequente, purtroppo, di guanti e mascherine”.

 

In definitiva, “un progetto che sarà focalizzato soprattutto sul tema dei rifiuti – prosegue Cretella –. Il territorio sarà monitorato per cercare eventuali discariche abusive, abbandoni illeciti, indiscriminati in alcune zone particolari. Sarà garantito da parte delle guardie soprattutto un servizio di deterrenza, ma possono verbalizzare e trasmettere agli organi competenti. Ci saranno di aiuto trasmettendo il messaggio alla cittadinanza che il territorio è presidiato”.      FdS