Bando di gara per il trasporto entro 30 giorni: M5S torna a pressare Toma

Indire il nuovo bando di gara per affidare il servizio di trasporto pubblico locale entro 30 giorni: è una delle ultime richieste che il Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale fa al presidente Donato Toma, attualmente titolare della delega ai trasporti, di cui era responsabile fino a un paio di mesi fa Vincenzo Niro.

Martedì 21 luglio è in programma una seduta monotematica dell’assise regionale richiesta dai pentastellati perchè, dicono, “nei due anni di governo Toma i problemi del Trasporto Pubblico Locale si sono addirittura acuiti. Nonostante il Consiglio regionale abbia licenziato atti chiari per affrontare le numerose criticità, abbiamo assistito ad un incomprensibile immobilismo da parte dell’ex assessore ai trasporti, Vincenzo Niro. Circostanza confermata dall’avocazione della delega da parte dello stesso governatore”.

A detta di Andrea Greco e soci, è il momento di affrontare e risolvere tutti i problemi del settore. Problemi che si protraggono da troppo tempo.

“Il Consiglio regionale a marzo 2019 aveva espresso un voto unanime su due impegni: la redazione di un nuovo bando per l’assegnazione del servizio di Tpl; la rimodulazione dei contratti ponte, in attesa dell’aggiudicazione della nuova gara. Da allora nulla è cambiato, nonostante le numerose sollecitazioni del nostro gruppo consiliare e di lavoratori, pendolari, studenti e rappresentanze sindacali. Unica novità è stata l’aumento delle tariffe del 40 per cento, a fronte di un progressivo e costante peggioramento del servizio erogato. Poi è arrivata l’emergenza sanitaria a complicare le cose: nella cosiddetta ‘fase 1’, infatti, le corse del trasporto pubblico su gomma sono state considerevolmente ridotte, per contenere i contagi. Nel frattempo, gli incassi dei gestori sono stati garantiti e retribuiti per il 70 per cento anche per le corse non effettuate, mentre i lavoratori sono rimasti troppo spesso senza stipendi né ammortizzatori sociali. Ancora una volta, alcuni gestori del Tpl sono riusciti a tutelare i propri guadagni, pur non garantendo stipendi e Cassa integrazione ai propri lavoratori, nonostante gli sforzi profusi dal governo nazionale a tutela del reddito dei lavoratori delle aziende in crisi. Ma c’è di più: le corse non sono aumentate una volta superata la fase più acuta dell’emergenza. E le organizzazioni sindacali lamentano misure carenti in termini di dispositivi di protezione individuale, distanziamento, sanificazione e emissione dei biglietti (che dovrebbe avvenire in via telematica o a sportello, ma mai sui bus)”.

M5S consiglio regionale

Nel Consiglio monotematico di martedì 21 luglio i 5 Stelle chiederanno al presidente Toma di firmare una nuova ordinanza “affinché si ripristino le corse ridotte in ‘fase 1’ aumentando, se necessario, i mezzi a disposizione; la verifica del rispetto della normativa vigente in materia di bigliettazione automatica, prenotazione e vendita telematica; la verifica delle attività di sanificazione quotidiana e della fornitura agli addetti degli appositi Dpi; la convocazione di un tavolo tecnico tra Regione, aziende e sindacati, al fine di verificare ed accelerare le pratiche per la Cig; di procedere, entro 30 giorni, alla pubblicazione del bando di gara; di rivedere i contratti ponte, nelle more della redazione e aggiudicazione della gara, per razionalizzare i costi e salvaguardare i diritti dei lavoratori dipendenti”.