Arrestato il rapinatore del negozio di intimo del centro storico: è un tossicodipendente rumeno

E' accusato di rapina aggravata e la polizia ha eseguito nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Gip del tribunale di Campobasso siu richiesta della procura

Era il 12 dicembre scorso quando un giovane, con il volto coperto da un passamontagna entrò armato di un coltello entrò da “Leonzia” e minacciò la proprietaria, facendosi consegnare l’intero incasso.

“Dammi i soldi o faccio un casino”. Più o meno queste le parole pronunciate dal giovane che quella intorno alle 19.30 approfittando delle poche persone in giro lungo via degli Orefici, a poca distanza da via Ferrari e da piazza Prefettura, agì indisturbato.

Il modus operandi dell’autore del reato aveva, sin da subito, indirizzato le indagini negli ambienti della tossicodipendenza locale.

Le indagini della Squadra Mobile, articolatasi in una puntuale ricerca di riscontri, ha permesso di individuare il giovane: un rumeno di 21 anni residente a Campobasso. E’ lui l’autore della rapina aggravata e dunque ieri pomeriggio la polizia ha eseguito nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Gip del tribunale di Campobasso su richiesta della procura.

La polizia ha recuperato anche i capi d’abbigliamento utilizzati dallo stesso per compiere il reato, dei quali aveva tentato di disfarsi abbandonandoli in una zona verde della città.