Spuntano i cartelli antiCovid all’ingresso delle spiagge libere. Bagnini in arrivo, attesa revoca divieto di ‘tuffi’ foto

Sono stati posizionati i cartelli con le misure anticontagio là dove ci sono i varchi per accedere alle spiagge libere. Ed è attesa per le prossime ore la revoca del 'discusso' divieto di balneazione nei tratti al di fuori dei lidi balneari. Sarà questo il primo weekend con i bagnini

Ha fatto la sua comparsa da ieri la cartellonistica anti-covid all’ingresso delle spiagge libere termolesi. Mascherina e distanza, saranno queste le regole ferree dell’estate 2020. Tutti però aspettano la data del 12 giugno, quando comincerà il servizio di salvataggio e verrà finalmente rimosso il tanto discusso divieto di balneazione.

cartelloni accesso al mare spiaggia libera termoli

Vediamole, le regole. Indossare sempre la mascherina se non puoi tenere la distanza di almeno 1 metro e mezzo, senza mascherina tenere la distanza di almeno due metri e mantenere la distanza di sicurezza di almeno 5 metri tra le attrezzature da spiaggia. Ce la faranno i nostri bagnanti? Intanto nel tratto di spiaggia libera ai piedi del muraglione del paese vecchio hanno fatto la loro comparsa dei pali che dovrebbero delimitare la distanza tra gli ombrelloni.

mare termoli pali covid spiaggia libera

Per il momento (foto scattate ieri sera 10 giugno) sono stati rimossi i cartelli che ricordavano il divieto di fare il bagno nei tratti di spiaggia non ricadenti in quelli dei lidi balneari, appunto perchè i bagnini – che quest’anno avranno l’aiuto di speciali cani salvavita – non ci sono ancora.

Spiagge libere Termoli: i nuovi baywatch avranno i cani salvavita. A giorni via il divieto di balneazione

Ma ormai è questione di ore e nel secondo fine-settimana di giugno (12, 13 e 14) ci sarà l’atteso via libera. Intanto i lidi (salvo quelli che hanno mestamente deciso di non riaprire) si sono preparati e, nonostante il tempo non troppo estivo, la clientela ha risposto ‘presente’.

cartello spiaggia libera misura anticovid

Sui social tiene banco l’ironia per la maldestra traduzione apparsa sui cartelli che riportano le misure anti-contagio. ‘Non sostare sulla battigia’ diventa ‘Don’t stop about battigia’. La caccia al ‘maccaronico’ traduttore è partita.