Quantcast

Sentenza dopo 20 anni dalla morte, striscione al Castello per Marco Guida

Un lungo striscione dedicato alla memoria di Marco Guida è stato posizionato ieri 6 giugno davanti al Castello Svevo di Termoli. Opera degli ultras, il cui nome è proprio ‘Curva Marco Guida’ per ricordare la figura del ragazzo di 16 anni, tifoso giallorosso, che morì il 12 settembre 2000 fulminato da una scarica elettrica mentre puliva i lettini del lido ‘Oasi’ di Rio vivo con una idropulitrice che si scoprì essere fuori norma.

Per quelle vicende di recente è arrivata la sentenza di primo grado in sede civile con la condanna dei titolari dello stabilimento balneare a un risarcimento di circa un milione di euro in favore dei familiari del ragazzo. Una sentenza che al momento non è definitiva, dato che il legale difensore ha annunciato ricorso.

Morì fulminato a 16 anni al lido Oasi: 20 anni dopo risarcimento da 1 milione per la famiglia. Difesa annuncia ricorso

Lo striscione, scritto a caratteri colorati di rosso, recita ‘Giustizia finalmente Marco Guida presente’ e come si può immaginare è stato notato dalle tantissime persone che nelle scorse ore hanno frequentato Termoli. Un gesto di solidarietà da parte degli ultras che da anni ricordano la figura di quel ragazzo tragicamente scomparso.

striscione Marco Guida ultras Castello