Sempre in strada, gilet e coppola. Se ne va un personaggio di Termoli: addio ‘Gaggianella’

Più informazioni su

Un altro personaggio di Termoli se n’è andato. Francesco Criasia, conosciuto da tutti col soprannome ‘La Gaggianella’, si è spento nelle scorse ore all’età di 73 anni.

Era una di quelle persone che almeno una volta nella vita è capitato di incrociare se si frequenta Termoli con una certa assiduità. Era sempre per strada, presente alle manifestazioni pubbliche, dalle processioni alle elezioni, con la sua andatura incerta, curvo sulla schiena. Non ha mai perso una processione di San Basso in vita sua. Tipico anche il modo di vestire, spesso con un gilet o una giacca pesante, anche quando la calura termolese si faceva sentire. Immancabile poi la coppola come corpricapo, retaggio di una usanza molto in voga tanto tempo fa e ancora praticata da qualche anziano.

Gaggianella

Era divenuto un volto noto della città al punto tale che qualche anno fa lo scrittore Antonio Andriani lo aveva vitato nel suo testo ‘Che spasso nella città invisibile’ insieme al sacrestano della Cattedrale Nando.

Oggi sono tanti a ricordarlo su Facebook, come i titolari del bar ‘Red Passion’ di corso Mario Milano, che ha pubblicato delle foto della Gaggianella, abituale frequentatore del locale.

“Questa volta è toccata a te. È andato via un altro personaggio storico di Termoli. Veniva da me al bar sempre con urgenza per andare al bagno e io a differenza di altri lo facevo sempre andare. Ha sempre rispettato le regole del rispetto e della pulizia.

Andava via dopo aver lasciato una mini mancia però abbinata ad una mini consumazione, molte volte la consumazione era gratis o molte volte gli veniva offerta dai clienti.

Ciao Gaggianella riposa in pace!”.

I funerali di Francesco Criasia si terranno giovedì 4 giugno alle 11 nella Chiesa Maria SS. del Monte Carmelo.

 

foto in home page dalla pagina Facebook del Red Passion Café

Più informazioni su