“Se non paghi ammazzo te e la tua famiglia”, donna senza scrupoli minaccia per due anni un campobassano: arrestata

L'incubo inizia nel giorno in cui il 53enne si rivolge alla donna impiegata presso una società concessionaria per la fornitura di energia elettrica del basso Molise. Da quel momento per l'uomo è iniziato l'inferno

Più informazioni su

Un campobassano vittima di estorsione da parte di una donna, adesso arrestata dai carabinieri.

Tutto accade quando l’ignaro cittadino denuncia ai militari di via Mazzini di essere ostaggio da almeno due anni delle richieste di denaro da parte di una donna già impiegata presso una società concessionaria per la fornitura di energia elettrica del basso Molise.

La donna dietro l’alibi dei pagamenti insoluti, si era offerta di “aggiustare” con decine di pagamenti di importo ridotto dell’ordine di centinaia di euro ognuno, che poi confluire sulle sue carte prepagate.

Dopo aver versato migliaia di euro alla donna, la vittima, un 53enne di Campobasso, stanco delle continue e sempre più pressanti richieste, ha deciso di interrompere le consegne del denaro. Da quel momento la 59enne campana – ma da anni residente sulla costa molisana – ha iniziato a forzare la mano fino a minacciare di morte la vittima e i suoi familiari se non avessero continuato a pagare.

Quella che all’inizio era truffa si trasforma dunque in una vera e propria estorsione fino a quando, l’altra mattina, in pieno centro cittadino, i carabinieri hanno messo in atto un servizio di osservazione, pedinamento e controllo riuscendo a coglierla in flagranza mentre riceveva dal malcapitato una ulteriore tranche di denaro per un importo di 350 euro in contanti, denaro che era stato preventivamente fotocopiato dai militari.

Immediatamente la donna è stata bloccata e dopo ulteriori accertamenti, arrestata e trasferita al carcere di Benevento., Il denaro invece è stato restituito alla vittima che, incredula, resasi conto della fine di quell’incubo che si trascinava oramai da più di due anni, ha ringraziato i militari dell’Arma per la loro professionalità.

Più informazioni su