Intrecci tra mafia e politica, chiesto rinvio a giudizio per deputata Giusy Occhionero

La deputata molisana eletta con Leu e passata a Italia Viva di renzi accusata di aver dichiarato il falso circa i rapporti con l'ex collaboratore Nicosia, accusato di far parte della mafia di Sciacca e di aver portato attraverso le visite in carcere con la parlamentare messaggi ai boss.

Chiesto il rinvio a giudizio dai pm della Dda Francesca Dessì e Geri Ferrara per i 6 indagati dell’operazione “Passepartout” che ha portato alla luce un presunto intreccio fra la famiglia mafiosa di Sciacca (Agrigento) e una parte della politica. Tra loro c’è ance Giusy Occhionero, deputata di Italia Viva eletta con Leu, molisana di Campomarino.

L’udienza preliminare, davanti al Gup di Palermo Fabio Pilato, è stata fissata per il 9 settembre. La parlamentare è accusata di aver dichiarato il falso, consentendo al principale indiziato Nicosia di entrare in carcere per parlare con dei boss.

Arresto collaboratore per mafia, Giusy Occhionero indagata per falso in concorso

”Mi accusano di presunta violazione  dell’art. 76 dpr 2000 – ha commentato la deputata di Italia Viva – dunque la mafia non c’entra nulla. Sono serena, mi aspetto un non luogo a procedere” ha concluso la Occhionero che venne ascoltata dai pm nel novembre dello scorso anno.

Mafia, Occhionero (Iv): “Nicosia ha collaborato con me solo 4 mesi, curriculum falso. Le sue parole vergognose”

Collaboratore arrestato per mafia, il Gip: “Occhionero gravemente inconsapevole o connivente”