Furto di pc nell’associazione persone down, ritrovato il bottino: tre denunciati

Buone notizie per l'ente presieduto da Giovanna Grignoli: la polizia ha individuato gli autori di quel colpo che il 5 giugno scorso creò sdegno e irritazione. Le indagini si sono dirette subito nel mondo dello spaccio arrivando a stretto giro alla svolta definitiva

Giovanna Grignoli, presidente dell’Associazione persone down del Molise, e i suoi operatori potranno riavere indietro il materiale che era stato rubato il 5 giugno scorso nella sede di via Montegrappa a Campobasso.

Ladri devastano e fanno razzia nel centro per down: si indaga sulle impronte. “Amareggiati, non ci fermiamo”

Notizia che non soltanto ha garantito alla giustizia gli autori del colpo, ma ha soprattutto restituito serenità ai volontari che per questi ragazzi “speciali” si prodigano giorno e notte.

I fatti. Ignoti si erano introdotti nella sede dell’associazione sfondando la porta d’ingresso e avevano  quindi passato in rassegna tutte le aule portando via pc e altri oggetti per un valore di oltre 2mila euro.

Giovanna Grignoli aveva chiesto l’intervento della polizia e sul posto arrivarono, oltre alla Volante, una pattuglia della squadra mobile e una della scientifica. Un’impronta lasciata ma anche l’intuito investigativo hanno spinto gli agenti ad indagare – per modalità ed entità del furto – nel mondo della tossicodipendenza locale.

Detto, fatto. Individuati alcuni soggetti del posto che si destreggiano nella spaccio campobassano, ottenuto poi il mandato per eseguire la perquisizione a casa, la mobile ha ritrovato il pc, due joypad e il visore 3d.

Gli autori del furto sono tre noti tossicodipendenti che abitano a pochi metri della sede dell’associazione, con un’età compresa tra i 24 e 28 anni e che sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per il reato di ricettazione.

I tre avrebbero a breve venduto il materiale informatico sottratto all’associazione persone down del Molise per guadagnare il necessario utile a rifornirsi di eroina.