Finalmente ci siamo, assegnati i lavori per riparare il serbatoio: è pericolante dal terremoto di 2 anni fa

Dopo varie peripezie cominciate all’indomani del sisma dell’agosto 2018, la ditta Bio Costruzioni di Colletorto si appresta ad aprire il cantiere da 130mila euro

Ci sono voluti quasi due anni ma finalmente ci siamo. Sono stati assegnati i lavori di riparazione e messa in sicurezza del serbatoio idrico comunale di Montecilfone, ritenuto a rischio crollo dal doppio evento sismico dell’agosto 2018. Da allora è partito un iter costellato da ritardi che sembra ora giunto a conclusione.

È la ditta Bio Costruzioni srl di Colletorto a essersi aggiudicata la gara d’appalto per un importo pari a 130mila euro. Dovrà mettere in sicurezza il manufatto e l’area.

Della necessità dei lavori si era iniziato a parlare già pochi giorni dopo le scosse di terremoto del 14 e 16 agosto 2018, quando erano stati segnalati pericoli di crollo conclamati anche dai sopralluoghi dei vigili del fuoco. L’allora sindaco Franco Pallotta si era adoperato per chiedere subito di avviare l’iter, ma la mancanza di un commissario per la ricostruzione post sisma sicuramente non ha agevolato il buon andamento dell’operazione.

serbatoio montecilfone

“Dopo innumerevoli solleciti finalmente la buona notizia – esulta oggi l’attuale primo cittadino Giorgio Manes -. Il serbatoio di Montecilfone sarà messo in sicurezza. Proprio stamattina ho avuto comunicazione che la Regione ha affidato i lavori, comunicandomi che il giorno 24 giugno consegnerà i lavori all’impresa aggiudicataria”.

Da parte del sindaco “un ringraziamento va Alla Protezione Civile regionale per la risoluzione del problema, ma soprattutto al presidente Toma per averlo più volte investito del problema cercando in qualsiasi modo di accelerare le procedure”.

serbatoio montecilfone

Intanto per la ricostruzione post sisma bisogna ancora attendere. Incredibilmente né il Governo Conte I, né quello attuale hanno nominato un commissario, sebbene per altri eventi sismici anche più recenti, la nomina sia arrivata da un pezzo.

Il Governo non nomina il commissario per la ricostruzione, 20 sindaci scrivono a Mattarella

Di recente i sindaci dei paesi interessati hanno scritto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per sensibilizzare sulla situazione. Anche la Diocesi di Termoli-Larino si è mossa chiedendo pubblicamente di sbloccare una vicenda che si trascina da troppo tempo.

Chiese, ricostruzione post-sisma ferma. Sos Diocesi e Comuni